RSS

Conseguenze non politiche

19 Nov

Ieri Silvio Berlusconi ha annunciato la nascita del Partito del Popolo Italiano, in cui è previsto che confluiscano le forze politiche che fanno capo a Forza Italia, che si scioglierà.

Mantellini commenta: Poi magari gli annali (di Sorrisi e Canzoni) confermeranno che Berlusconi, digerita con difficoltà la peperonata del sabato sera, abbia partorito oggi l’idea fulminante ed improvvisa di regalarsi un nuovo partito. Su due piedi, con un megafono in mano nel casino di piazza San Babila. Tutto molto triste solitario y – si spera- final.

In questa novità c’è comunque un fatto positivo: da ora quando si parlerà di azzurri non si avrà più il dubbio se si tratta di giocatori della nazionale o di rappresentanti del partito fondato da Berlusconi e, quando giocherà la nazionale, si potrà tornare ad inneggiare Forza Italia senza rischiare etichette politiche.

 
2 commenti

Pubblicato da su 19 novembre 2007 in Mondo, news

 

Tag:

2 risposte a “Conseguenze non politiche

  1. AlphaKappa

    19 novembre 2007 at 10:03

    “Berlusconi: «Contro Prodi abbiamo raccolto 7 milioni di firme. Basta con i parrucconi della politica»”

    Vero, basta parrucconi, gli Italiani vogliono quelli coi capelli trapiantati!

    In alcune zone d’Italia si dice “lu mboe tice curnutu allu ciucciu”.

    La fondazione del partito del popolo rientra nel “cambio di strategia” richiesto dagli alleati?

     
  2. MFP

    5 dicembre 2007 at 13:52

    Eheh, sai Dario che non ci avevo pensato!? Finalmente posso tornare a pensare “forza italia” quando vedo le partite dei mondiali! Non e’ poco…

     
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: