RSS

Maldestro e comico, ma comunque da evitare

29 Mar

Ho già parlato in varie occasioni di phishing, ossia di quei messaggi di posta elettronica spediti massivamente per carpire dati sensibili (coordinate bancarie, numeri di carta di credito, credenziali di autenticazione, eccetera). E’ vero che ogni tanto capita di imbattersi in alcuni phisher davvero scaltri, ma mi è capitato di citare – anche su queste pagine – vari casi di phishing maldestro, in cui il truffatore confeziona talmente male le sue mail truffaldine che cascarci è un’impresa da utonti. Quella che ho ricevuto oggi, però, va oltre e mi fa sbellicare dalle risate:
malmacom.jpg

A parte il fatto che si tratta della classica traduzione automatica (che sarebbe inutile, se il mittente fosse effettivamente Poste Italiane), anche Thunderbird – il mio client di posta elettronica – nutre fondati sospetti che il messaggio in questione “possa essere un tentativo di frode”. Ma per tutti quei messaggi che possono generare dubbi nell’utente, ricordo una cosa fondamentale: un istituto bancario, una compagnia di assicurazion, Poste Italiane o altre organizzazioni non chiederebbero mai all’utente una conferma dei dati personali attraverso un link in una mail.

Quindi, se ricevete mail del genere, cestinatele. Prima, però, vi invito ad inoltrare una segnalazione alla Polizia Postale e delle Comunicazioni e ad Anti-Phishing Italia. Il phishing è un reato e chi se ne rende colpevole rischia l’arresto.

 
2 commenti

Pubblicato da su 29 marzo 2008 in Internet, media, truffe&bufale

 

2 risposte a “Maldestro e comico, ma comunque da evitare

  1. Alberto

    29 marzo 2008 at 22:15

    Mi hai fatto venire in mente una cosa.
    Io, quando ricevo spam che il filtro di gmail non identifica, entro nell’interfaccia web e lo marco come spam.
    In questo modo aiuto il meccanismo automatico di filtri a bloccare anche le successive email di spam.
    Lo faccio anche perché richiede uno sforzo minimo.
    Dico assurdità affermando che sarebbe carino avere un tasto “segnala alle autorità come phishing” a fianco di quello dello spam?

     
  2. db

    30 marzo 2008 at 08:40

    Non è assurdo, secondo me sarebbe da proporre ai developer degli account di posta elettronica.
    Io comunque ho in memoria gli indirizzi a cui mandare le segnalazioni (e i link per inoltrarle sono quelli che ho scritto nel post).

     
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: