RSS

Quo vadis, Eutelia?

12 Gen

E’ nato un piccolo giallo sulle sorti di Eutelia, azienda italiana attiva nel settore delle telecomunicazioni che sta vivendo momenti di difficoltà (come molte altre telco in questo periodo): la società, con un comunicato stampa diffuso mercoledì scorso, ha reso noto che il CdA ha deliberato la dismissione delle attività IT del gruppo, precisando che la dismissione delle attività IT renderà più snella l’intera struttura del gruppo Eutelia che si concentrerà d’ora in avanti sul comparto delle Telecomunicazioni.

A questo quadro già piuttosto grigio, però, Max aggiunge una pennellata di rilievo, citando una nota diffusa dall’ASCA di cui probabilmente anche Alex aveva avuto notizia:

In realtà non è così: le rappresentanze sindacali Fiom-Cgil infatti hanno reso noto che l’azienda “si e’ presentata all’incontro annunciando la dismissione di tutto il settore IT, intendendo tutte le attivita’ anche quelle TLC, ma individuate dall’azienda come IT”.

La situazione non è chiara, ma certamente non è rosea e lo testimonia la preoccupazione espressa dai dipendenti della stessa Eutelia nel blog Eutelia Workers, che annuncia mobilitazioni. Speriamo che su questa vicenda si faccia chiarezza: credo sia indispensabile, per gli utenti e per i dipendenti.

P.S.: Alberto, nei commenti a questo post, sottolinea l’importanza che la chiarezza in merito è necessaria anche per le sorti delle soluzioni VoIP utilizzate da molti utenti italiani che di Eutelia sono utenti diretti o indiretti (per aver sottoscritto un contratto presso un operatore che rivende EuteliaVoIP).

Questo mi ricorda, tra l’altro, che verso la fine del 2007 una parte dell’utenza ex Elitel era passata ad Edisontel, azienda del gruppo Eutelia. Se il comparto TLC di questo gruppo fosse a rischio, ci si troverebbe di fronte ad una nuova transumanza forzata e ciò sembra dimostrare, ancora una volta, quanto il mercato italiano delle telecomunicazioni stia vivendo un momento di grave crisi.

 
8 commenti

Pubblicato da su 12 gennaio 2009 in Mondo, news, TLC

 

8 risposte a “Quo vadis, Eutelia?

  1. Alberto

    12 gennaio 2009 at 13:11

    E’ decisamente importate la chiarezza: il settore VoIP italiano è legato mani e piedi ad Eutelia.
    Molti utenti usano EuteliaVoip (io tra i tanti) e molti altri usano comunque EuteliaVoip indirettamente in quanto il loro provider rivende, in realtà, EuteliaVoip.

     
  2. db

    12 gennaio 2009 at 13:30

    Hai ragione, Alberto… e mi hai fatto venire in mente un altro aspetto, aggiornero’ il post. Grazie.

     
  3. andtrap

    16 gennaio 2009 at 14:22

    Dario, per ulteriore commento alla questione Quintarelli ha ampliato alcune mie stesse riflessioni dopo l’incontro dei sindacati con alcuni politici: take a look http://blog.quintarelli.it/blog/2009/01/crisi-eutelia-eutelia-arriva-la-mobilit%C3%A0-nonostante-i-contratti-di-solidariet%C3%A0.html

     
  4. Robert

    20 gennaio 2009 at 11:57

    Leggendo l’articolo ed i commenti mi trovo in disaccordo con le preoccupazioni sollevate.
    Ho seguito la vicenda e in nessuna comunicazione l’azienda ha mai manifestato l’intenzione di coinvolgere nel piano di dismissione il settore legato alle TLC. Credo che i servizi di telecomunicazioni saranno mantenuti dall’azienda: rappresentano il nucleo iniziale delle attività ed è stato dichiarato apertamente l’intento di concentrarsi su questo settore. Anzi la prospettiva che è stata presentata prevede un rafforzamento ed una valorizzazione di questa tipologia di servizi. Come utente EuteliaVoip non vedo minacciato il futuro del servizio, al contrario ho interpretato positivamente la strategia dell’azienda. Sicuramente a breve avremo notizie più certe che potranno chiarire questo rincorrersi di voci, nocive per l’azienda ma anche per noi consumatori, allarmati senza un fondamento.

     
  5. Alberto

    20 gennaio 2009 at 12:29

    Robert: neppure io sono pessimista per partito preso.
    Hai ragione a dire che da nessuna parte si dice che il settore voce verrà penalizzato ma, da quello che si vede, io ho notato un azienda in difficoltà e la cosa mi ha preoccupato.
    E’ proprio perché spero che non ci sia da preoccuparsi che mi piacerebbe che ci fosse il massimo della chiarezza 😉

     
  6. edoardo

    23 gennaio 2009 at 17:43

    Più che pensare a come andrà a finire la storia di EUTELIA, ritengo che ci sia un ottimo rapporto tra valore e prezzo attuale delle azioni che ipotizzo possano arrivare a 6 euro entro il corrente anno. Tenendo presente che il loro attuale valore di borsa è di circa 0,29 cent. ditemi perché non acquistarle?

     
  7. luna

    23 gennaio 2009 at 18:06

    Sei euro? E come ci arriveranno???

     
  8. edoardo

    26 gennaio 2009 at 10:46

    Con le commesse dello Stato. E’ già previsto|

     
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: