RSS

Due mega subito

18 Ott

Banda larga garantita per legge in Finlandia, dove l’accesso ad Internet a 1 Mb – dalla prossima estate – sarà un diritto istituzionalmente riconosciuto ai cittadini. Yle.fi riferisce infatti che dal prossimo luglio a ogni utente finlandese sarà assicurato il diritto ad avere un accesso broad band da 1 Mbps. Entro il 2015, inoltre, si prevede che tale diritto possa essere esteso, tanto da garantire a tutti i cittadini accesso da 100 Mb.

E in Italia? I problemi della rete nostrana sono ben noti agli addetti ai lavori e anche a chi legge questo blog. Tuttavia c’è chi annuncia una svolta clamorosa. Renato Brunetta, ministro per l’Innovazione e la Pubblica Amministrazione, dai microfoni della trasmissione radiofonica Il Brunetta della Domenica, in onda su RTL, oggi ha dichiarato: “Conto di avere due mega di banda larga per tutti a partire dal 2010”.

Considerando che al 2010 mancano poco più di due mesi, e che – come ogni anno solare – ne durerà 12, considero difficile conseguire entro la fine del prossimo anno questo obiettivo, di cui peraltro la stampa parla senza aggiungere contorni e dettagli, se non un piano di investimenti per 800 milioni di euro, cifra comunque inadeguata che auspico resti almeno destinata allo scopo dichiarato. Intendiamoci, io sarei ben contento che questo risultato fosse raggiungibile in tempi così brevi: faccio il tifo per chiunque si batta per questa causa e sono pronto a fare un passo indietro dal mio scetticismo e ad applaudire con ammirazione chi avrà il merito di riuscirvi, ma considerando i vari fattori di digital divide che ancora oggi caratterizzano il mercato del nostro Paese, ritengo ardua l’impresa di portare “due mega di banda larga per tutti a partire dal 2010”.

Ammesso e non concesso che con “due mega” si intenda 2 Mbps, altrimenti tutto è possibile.

 
10 commenti

Pubblicato da su 18 ottobre 2009 in Buono a sapersi, Internet, Ipse Dixit, Links, news, tecnologia, TLC

 

10 risposte a “Due mega subito

  1. Lexi

    18 ottobre 2009 at 21:54

    Hai ragione. Potrebbero essere anche due megabaci 😀

     
  2. Lexi

    18 ottobre 2009 at 21:56

    (segue)……anche se detta in quel modo sembra l’ordinazione fatta al salumiere: mi da due mega di banda larga?
    – glieli taglio sottili o vuole una fetta unica bella spessa?
    sottili grazie
    – ops, mi sono usciti due mega e due. lascio?

     
  3. AndyCapp

    18 ottobre 2009 at 22:01

    Vedo tre problemi, tralasciando l’incerca terminologia del ministro.

    a) l’italia è divisa tra chi ha la banda larga e chi no; chi l’ha quasi sicuramente ha piu di 2 “mega”
    b) 800 milioni non sono tanti ma nemmeno pochi, divisi tra pubblico e privato…come chiunque abbia lavorato in situazioni del genere potrebbe dirvi, non basterebbero, anche ammettendo che per miracolo 800 milioni fossero sul tavolo domani, 14 mesi di riunioni per mettere tutti d’accordo.
    c) assumendo due miracoli, soldi e accordo domani, dubito fortemente che i tempi tecnici possano essere inferiori ai 14 mesi.

    per tirare una somma…mi pare una sparata (o magari si fa come in Abruzzo, si innaugurano le prim 400 ADSL e le altre verrano poi)

     
  4. claudio

    18 ottobre 2009 at 22:19

    A promettere si fa in fretta…

     
  5. Rocco Rattazzi

    18 ottobre 2009 at 22:22

    … lo fanno pure i marinai 😉

     
  6. Dario (denni)

    7 novembre 2009 at 10:59

    Ma che hai preso il vizio di Quinta di mettere i titoli ad effetto? Arrivo qui col lettore RSS e mi viene un colpo perchè penso che quanto scrivi avvenga in Italia e invece ‘ste cose avvengono tutte all’estero.

    Per favore, cambia modo di titolare i post.

    thx.

    Dario D.

     
  7. db

    7 novembre 2009 at 11:29

    I titoli ad effetto li scrivevo anche alle elementari, rassegnati 😉

    Pero’ forse mi sono sbagliato a pensare che Brunetta parlasse di tlc italiane?

     
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: