RSS

“Non reggerà all’appello”

16 Apr

Senza la segnalazione di Dario Denni mi sarei perso l’intervista di Alessandro Longo al Garante della Privacy Pizzetti sulla discussa sentenza condanna legata al caso Google-Vividown. In questo passaggio si elimina qualunque appoggio alle motivazioni legate alle presunte inadempienze in tema di privacy:

Longo: Secondo il giudice, Google avrebbe dovuto dire ai propri utenti: prima di pubblicare questo video, state attenti a non violare prima la privacy delle persone riprese, chiedete il loro consenso. Ma le norme sulla privacy non obbligano Google a fare così?

Pizzetti: NO, quest’obbligo non rientra nell’articolo 13 e non c’e’ nell’attuale diritto. Per questo motivo credo che la sentenza non reggerà all’appello.

 
Commenti disabilitati su “Non reggerà all’appello”

Pubblicato da su 16 aprile 2010 in Life, Mondo, news, privacy

 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: