RSS

Notizie tecnoscandalistiche

31 Mag

Ci sono molti criteri validi che è possibile seguire per il confezionamento di una notizia scientifica o di sapore scientifico. In ogni caso sarebbe anche importante non passare dalla scienza alla fantascienza, ma c’è chi lo fa senza accorgersene.

Un esempio è una notizia data da varie testate nei giorni scorsi, partita da BBC News, che giovedì scorso ha titolato First human ‘infected with computer virus’.

Ripresa con sollecitudine anche da noti giornali italiani come Repubblica e il Corriere della Sera, la notizia ha sostanzialmente trasmesso il messaggio che un uomo è stato infettato dal virus di un computer. Una notizia che descrive un’ipotesi improbabile e fuorviante, perché un tag RFID passivo può portare con se’ solo dati (pochi o tanti che siano) ed è dunque impossibile che esegua un’azione, ne’ malevola, ne’ benevola.

Un virus, eventualmente, potrebbe colpire i dispositivi destinati a leggere tali informazioni, ma non l’essere umano che ospita il chip. Con molta chiarezza Graham Culey tecnology consultant di Sophos (azienda specializzata in soluzioni antivirus e di sicurezza) lo ha spiegato osservando: “Gli scienziati dovrebbero essere responsabili di come presentano la propria ricerca, invece di alimentare minacce per arrivare ai titoli sui giornali”.

Per la cronaca, il giornalista della BBC Rory Cellan-Jones – autore della notizia originale – in seguito alle critiche ricevute da esperti e addetti ai lavori si è premurato di scrivere alcune precisazioni, facendo sostanzialmente marcia indietro sui toni allarmistici utilizzati per parlare delle ricerche del dottor Gasson. Sulle testate che avevano citato la BBC non ho ancora visto nulla, auspicabilmente per mia disattenzione.

 
1 Commento

Pubblicato da su 31 maggio 2010 in (dis)informazione, Internet, Life, media, tecnologia

 

Una risposta a “Notizie tecnoscandalistiche

  1. matteo

    1 giugno 2010 at 17:08

    La notizia mi sembrava strana e preoccupante, ma da uno dei link da lei citato ho letto che il problema e’ gia’ stato affrontato con rigore piu’ scientifico da altri ricercatori meglio intenzionati, per nostra fortuna.
    Puo’ darsi che questo dottor Gasson cerchi davvero la notorieta’ con questa ricerca e punti al sensazionalismo, ma temo che questo non faccia bene alla ricerca scientifica…

     
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: