RSS

“+1″, la ricerca su Google è più social

04 Apr

Con un social network come Facebook e le sue centinaia di milioni di utenti, il termine like ha assunto in breve tempo il significato di apprezzamento condiviso, da partecipare a tutti gli amici con un click. Una feature che si può applicare a personaggi, situazioni o prodotti, e che in quest’ultimo caso può veicolare un passaparola pubblicitario. Google ha pensato di applicare questo concetto ai risultati di una ricerca, con un pulsante personalizzato: non un like, ma un“+1″.

Plus one, per dirlo nella madrelingua, si manifesta sotto forma di pulsante posizionato a fianco di ogni risultato ottenuto da una ricerca su Google. Se questo rappresenta qualcosa di gradito, l’utente può cliccarlo, rendendo noto il proprio apprezzamento. Non si tratta di un servizio già disponibile a tutti gli utenti, ma di una funzione sperimentale utilizzabile – per il momento – solo da coloro che già dispongono di un account Google e utilizzanoGoogle.com in English: per provarla (una volta effettuato il login) è sufficiente visitare la pagina dell’esperimento e selezionare Join this experiment.

A funzionalità attivata, l’utente può effettuare una qualunque ricerca e cliccare il pulsante “+1″ (che compare in corrispondenza di ogni link contenuto nella SERP) sui risultati di sua preferenza e, da quel momento, tutti i +1 cliccati dagli utenti saranno visibili a tutti gli utenti Google che hanno un legame con chi ha espresso quel voto (ad esempio, a tutti gli utenti annoverati nell’elenco contatti di Gmail o Gtalk): effettuando una ricerca su Google, tutti coloro che nei risultati otterranno il link ad un sito votato con un +1 sapranno anche chi ha espresso questo apprezzamento.

Non è solo un apprezzamento fine a se stesso. Evidentemente, se più utenti cliccheranno lo stesso link si otterrà una somma di click che si potranno trasformare in un punteggio, con una conseguente ricaduta pubblicitaria: nell’ambito di una ricerca sarà possibile ottenere risultati piùraccomandati di altri e questo significa, in pratica, ricevere una sorta di messaggio pubblicitario che ora viene veicolato dai voti espressi dai membri di una community ristretta (identificabile con gli utenti di applicazioni Google che hanno aderito alla sperimentazione), ma in un futuro non troppo lontano potrebbe rappresentare le preferenze di tutti gli internauti che, passando da quel link, si saranno trasformati in un panel di opinionisti.

Anche per il solo fatto che una ricerca su Google può essere spesso molto dispersiva e condurre ad una moltitudine di risultati privi di utilità, quel +1 – o plus one – non deve passare inosservato: nel video di presentazione, ogni +1 ottenuto da un link si traduce nell’invito a dare qualcosa di più di un’occhiata, This is something you should check out. Significa che quel collegamento non è poi così inutile, ma induce a prevedere per questo strumento un potere inaspettato: con il consolidarsi dell’utilizzo di questa funzione, infatti, un utente potrebbe arrivare al punto di ignorare i link privi di preferenze, per non perdere tempo nelle – come detto sopra – dispersive pagine di risultati ottenuti.

Da qui alla creazione di una nuova forma di ranking il passo è breve, ma a breve distanza segue la possibilità di una sua mercificazione: non è difficile prevedere, infatti, che vi siano aziende disposte ad investire nella nuova forma pubblicitaria data dal punteggio ottenuto dagli utenti, per dopare il numero di preferenze sui propri prodotti o servizi. E tutto ciò costituirebbe solo l’ennesima affermazione di Google come nuovo protagonista del business dell’advertising.

[pubblicato dal sottoscritto oggi su The New Blog Times]

 
1 Commento

Pubblicato da su 4 aprile 2011 in Internet, Mondo, news, News da Internet

 

Una risposta a ““+1″, la ricerca su Google è più social

  1. notizie

    4 aprile 2011 at 19:01

    Non sarà una solo una copia del “Mi piace” del FB, come si dice, sarà molto di più… e non sarà un fiasco come il Buzz…

     
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: