RSS

Ello che?

01 Ott

ElloSlogan

Oltre ad indicare un comune in provincia di Lecco e un gioco Mattel per bambine (di scarso successo), Ello è il nome di un nuovo social network, molto richiamato dalla cronaca negli ultimi giorni per il suo crescente consenso. Sul suo conto si leggono molte cose, ma le definizioni più ricorrenti sono anti-Facebook, amico della privacy, gay-friendly e social network senza pubblicità.

Il Manifesto del social network effettivamente non nasconde che l’intento è rappresentare l’alternativa a Facebook, differenziandosi con l’assenza di pubblicità e la tutela della privacy degli utenti, a cui si assicura che i dati personali non saranno trasmessi ad altre aziende (anche perché non esistono inserzionisti pubblicitari sulla piattaforma), ma solo agli altri iscritti. Altra caratteristica ostentata da Ello è l’assenza di pratiche discriminatorie nell’iscrizione, che può avvenire anche con un nome diverso da quello registrato all’anagrafe (anche qui in contrapposizione alle prassi di Facebook, che ha sospeso alcuni account di drag queen che nell’iscrizione avevano utilizzato il loro nome d’arte). You are not a product (trad. “Tu non sei un prodotto”) recita lo slogan.

I presupposti di rispetto degli iscritti sulla carta sono ottimi, ma saranno sufficienti a far crescere il bacino di utenza di Ello? Sicuramente la curiosità stimolerà molte persone a sondare il terreno, ma l’impresa di far schiodare da Facebook un buon numero di persone resta ardua.

Non sarà la tutela della privacy a motivarli, ne’ la grafica minimalista e spartana della nuova piattaforma. Per essere spinti in massa verso Ello dovranno trovare qualcosa di veramente nuovo, ma finora nessun competitor di Facebook è riuscito a scalfirne la leadership nel panorama dei social network: l’obiettivo è rimasto un miraggio per Diaspora, come per tutti gli altri. E non si venga tratti in inganno dal cospicuo numero di utenti vantato da Google Plus, che corrisponde realmente ad un numero di iscritti, ma solo perché chi si registra per un qualunque servizio di casa Google è già virtualmente utente di tutte le altre soluzioni del gruppo (giacché basta “un unico account Google per tutto il mondo Google”), tant’è che i numerosi possessori di smartphone Android – registrando il proprio account sull’apparecchio – spesso nemmeno si accorgono di aver accettato anche l’iscrizione al social network.

Ello – non è male saperlo – si regge oggi sul sostegno finanziario di FreshTracks Capital, che ha investito 435mila dollari nell’idea di social network concepita da Paul Budnitz (un designer che ha messo la sua firma biciclette molto belle), dopo uno sviluppo basato anche sulla consulenza pro bono (cioè a titolo gratuito) di Aral Balkan (anch’egli designer, fondatore di ind.ie e promotore di tecnologie che consentano agli utenti di mantenere il controllo degli strumenti digitali che utilizzano, come quelle che saranno utilizzate nell’ind.ie phone), che ha abbandonato il progetto per questioni ideologiche, appena appreso dell’ingresso di una società di venture capital, che a suo dire non può che snaturare il progetto iniziale (in quanto trasforma il sogno nella ricerca di un profitto che porti un ritorno sull’investimento), limitarne le ambizioni e appiattirlo al livello di altri prodotti assoggettato alle leggi del mercato.

Sicuramente è ancora presto per dargli ragione. Ma anche per dargli torto…

 
5 commenti

Pubblicato da su 1 ottobre 2014 in news

 

Tag: , , , , , , , , , ,

 
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: