RSS

La foto che non è una foto, ma che ci ricorda una cosa importante

11 Apr

A tutti è piaciuto definirla foto, ma sarebbe più corretto parlare di immagine. Una foto fissa la visualizzazione di un oggetto, questa è un’immagine che deriva da una complessa elaborazione grafica di dati ricevuti via radio da otto radiotelescopi installati nel mondo. Il buco nero al centro dell’immagine, che si trova più o meno al centro della galassia Messier 87 distante da qui 55 milioni di anni luce (520 miliardi di miliardi di km), è il protagonista dell’immagine e, pur avendo un diametro di 38 mila miliardi di chilometri e una massa che è 6,5 miliardi e mezzo di volte quella del Sole, non si vede e deve la sua (in)visibilità alla materia che sembra circondarlo e che, in realtà, lui sta risucchiando.

  • 55 milioni di anni luce
  • 38mila miliardi di km di diametro
  • 6,5 miliardi e mezzo la massa del Sole

Ma quanto siamo piccoli e insignificanti nell’universo?

Onore al merito della ricercatrice Katie Bouman, grazie al cui lavoro è stato possibile sviluppare l’algoritmo utilizzato per ottenere l’immagine (http://news.mit.edu/2016/method-image-black-holes-0606)

57198733_1326497214155478_2778615739093876736_n[1]

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 aprile 2019 in news

 

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: