RSS

Regione Lazio, un attacco informatico da approfondire

04 Ago

Da quanto tempo si parla di ransomware? E di phishing? Nel 2005 si parlava già di ransomware sui telefoni cellulari, pertanto si tratta di argomenti sufficientemente maturi per essere conosciuti dagli addetti ai lavori o da chi utilizza tecnologie digitali di comunicazione (dall’e-mail ai sistemi di messaggistica), quindi non è più il caso di spalancare occhi e bocca di fronte a notizie come quella dell’attacco informatico alla Regione Lazio.

Sulla vicenda abbiamo letto di tutto: virus, hacker, ipotesi terroristiche, coinvolgimento dell’FBI. All’origine di tutto, per l’ennesima volta, ci sarebbe stato un episodio di imprudenza: un dipendente (in smart working, ma questo dovrebbe essere un particolare poco rilevante) ha incautamente cliccato su un link pericoloso contenuto in un messaggio di posta elettronica ritenuto innocuo, portandosi in casa uno di quei ransomware che ha crittografato e blindato i dati dei sistemi informatici della Regione, mettendoli in ginocchio e bloccando il sistema di gestione delle vaccinazioni, delle prenotazioni e delle certificazioni. Le indagini di Polizia Postale e FBI metteranno in luce particolari sicuramente interessanti, per capire in che tempistiche si è verificato l’attacco (il clic avventato, secondo alcune fonti, sarebbe avvenuto settimane fa) e come è stato concretamente attuato.

Certo, è auspicabile che siano state adeguate le tecnologie utilizzate nella realizzazione del piano di disaster recovery di qualche anno fa. Ne riporto un estratto nell’immagine, onde evitare che la fonte istituzionale non renda più disponibili queste informazioni, che includono anche l’ammontare di denaro pubblico investito a suo tempo:

Indubbiamente il numero di episodi legati a questo tipo di attacchi è in crescita e il fatto che il bersaglio sia un servizio di primaria importanza e di pubblica utilità rende ancora più evidente la necessità di soluzioni di sicurezza idonee a proteggere le informazioni gestite da un sistema. Il rapporto Clusit 2021, ha evidenziato che gli “attacchi gravi di dominio pubblico” (quelli che hanno avuto conseguente importanti su economia, società e politica) tra il 2019 e il 2020 sono aumentati del 12%, in buona parte originati da un’organizzazione criminale.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 agosto 2021 in news

 

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: