RSS

I Risultati della Ricerca per: ‘pisanu’

Legge Pisanu, ora parla Maroni

La settimana scorsa lo aveva promesso il ministro Renato Brunetta e non se n’è fatto nulla. Oggi ne ha parlato il ministro Roberto Maroni:

‘La prossima settimana verra’ portata in Consiglio dei ministri una proposta che supera la norma Pisanu, in scadenza il 31 dicembre’, sull’accesso a Internet. Lo ha detto il ministro Maroni. ‘C’e’ stata un’evoluzione tecnologica che ci consente superare le restrizioni previste dal decreto Pisanu del 2006 e di contemperare le esigenze di sicurezza e l’attivita’ investigativa con lo sviluppo dell’accesso alla rete internet’, ha spiegato durante il question time.

A parte la superflua giustificazione data dall’evoluzione tecnologica, terrei solo a sottolineare che:

  • il ministro Brunetta aveva parlato di un grande consenso politico, precisando: “il ministro Maroni si è detto disponibile”. Presumendo dunque un certo accordo, si può parlare di un sostanziale allineamento tra i due in tema di accesso Internet in WiFi
  • nel question time, il ministro Maroni (Lega Nord) ha parlato in risposta ad un’interrogazione di cui si è fatto portavoce l’onorevole Jonny Crosio (Lega Nord). Presumendo un certo accordo, si può parlare di un sostanziale allineamento tra i due in tema di accesso Internet in WiFi.

Ci crediamo? Riflessioni a catena

  • non c’è due senza tre, per cui è lecito attendersi una terza dichiarazione allineata a quanto sopra. Per competenza, potrebbe essere formulata dal ministro Paolo Romani
  • e il quarto vien da se‘. Non dimentichiamoci che, in materia, si è espresso anche il ministro del turismo Michela Brambilla. Circa un anno fa.
 
Commenti disabilitati su Legge Pisanu, ora parla Maroni

Pubblicato da su 27 ottobre 2010 in Internet, Ipse Dixit, Life, Mondo, news, News da Internet, tecnologia, TLC

 

Banda larga, niente soldi. Legge Pisanu, niente cambiamenti

Delle dichiarazioni e delle promesse formulate dal ministro Renato Brunetta in merito alla necessità di investire sulla banda larga in Italia ho parlato spesso anche da queste pagine (qui, quiqui). Le… braccia sono cadute quando si è scoperto che i fondi da destinare a questo investimento si sono ridotti drasticamente. Leggere che lo stesso ministro Brunetta avrebbe dichiaratoÈ inutile pensare agli 800 milioni che mancano per la banda larga in Italia quando il suo livello attuale di utilizzo è inferiore al 50%” lascia un po’ basiti.

Anche il resto delle dichiarazioni non scherza: “È un problema di cultura, non di rete: tutte le scuole italiane sono già collegate via internet, fra loro, con il ministero e con il mondo esterno, ma la quantità di contenuti che viene fatta circolare è praticamente nulla. Lo stesso in medicina: il fascicolo telematico con le informazioni di ogni paziente è già disponibile, ma non viene utilizzato, così come la Pec, la posta elettronica certificata per la quale la banda larga è più che sufficiente. Il solo utilizzo del protocollo Voip per la comunicazione nelle università consentirebbe di risparmiare fino a un terzo di spese telefoniche, recuperando l’investimento necessario in un anno e mezzo e liberando fondi”.

Citando il solo ambito della Pubblica Amministrazione, il ministro ritiene dunque che le infrastrutture di comunicazione in Italia siano più che sufficienti per lo scarso uso che se ne fa. Quasi a dire “inutile dare perle ai porci”, il ministro sembra suggerire di pensare a ben altri problemi, dimenticando che esistono realtà che potrebbero fare un ottimo uso di un accesso Internet a banda larga, se solo lo avessero a disposizione, agevolando uno sviluppo tecnologico che trascinerebbe con se’ una parte significativa di quello economico.

D’altro canto, queste dichiarazioni sono state rilasciate a chiusura dell'”Incontro con gli innovatori” organizzato al Future center Telecom di Venezia, in cui lo stesso ministro aveva ventilato l’ipotesi che nell’imminente Consiglio dei Ministri si sarebbe discussa l’abrogazione dell’articolo 7 della Legge Pisanu: ”C’e’ un grande consenso politico. Ci sono dei problemi di ordine nazionale e di coerenza internazionale, ma il ministro Maroni si e’ detto disponibile e penso che gia’ dal prossimo Cdm, se non gia’ una modifica, ci sara’ una discussione”.

Il Consiglio dei Ministri c’è stato, la discussione sull’abrogazione no, non era neppure all’ordine del giorno.

 
1 Commento

Pubblicato da su 24 ottobre 2010 in business, Internet, Ipse Dixit, Life, Mondo, news, News da Internet

 

Decreto Pisanu: forse quest’anno non sarà prorogato

Sono passati ormai cinque anni dall’introduzione delle norme anti-terrorismo che fanno capo al notoDecreto Pisanu, che – tra l’altro – regolamenta l’accesso WiFi nel nostro Paese. Ma pare che i tempi per una opportuna revisione possano essere maturi.

La norma conosciuta come Decreto Pisanu è il Decreto Legislativo 144/2005, convertito nella Legge 155/2005. Fra le regole in esso contenute c’è l’art. 7, che obbliga all’identificazione di ogni utente che utilizza una rete wireless diversa da quella della propria abitazione, identificazione che deve essere attuata dall’ente che eroga la connessione (su specifica licenza rilasciata dalla questura), che è inoltre tenuto a registrare i log di chi fruisce della connessione. Una norma vista da molti come un appesantimento burocratico che demotiva iniziative di apertura di reti WiFi ad accesso libero da parte di esercizi pubblici.

E’ però delle scorse ore la notizia di un nuovo disegno di legge intitolato Abrogazione delle norme recanti limitazioni dell’accesso ad Internet,  presentato da Paolo Gentiloni, Linda Lanzillotta e Luca Barbareschi. Nuovo, giacché all’inizio del 2010 era già stato presentato, da Roberto Cassinelli, un primo disegno di legge con cui si proponeva una modifica all’art. 7, ossia l’adozione di misure meno vincolanti, ma finora la proposta non aveva mai guadagnato l’attenzione del Parlamento.

Fa indubbiamente piacere che Paolo Gentiloni e Linda Lanzillotta si siano ricreduti, rispetto alle convinzioni che, tre anni fa, li hanno portati a non opporsi all’approvazione della proroga della validità della norma (l’uno in veste di Ministro delle Comunicazioni, l’altra in veste di Ministro degli Affari Regionali). D’altro canto, lo stesso Pisanu si è esplicitamente dichiarato favorevole ad una modifica della norma da lui stesso promossa.

La retromarcia bipartisan è stata dunque inserita. Resta da vedere se, in questo particolare periodo politico e istituzionale, qualcuno si impegnerà concretamente a premere l’acceleratore.

[tratto da WiFi: via i lucchetti del Decreto Pisanu. Davvero?]

 
1 Commento

Pubblicato da su 7 ottobre 2010 in Internet, Life, Mondo, news, News da Internet, TLC

 

Legge Pisanu: ce la lasceremo alle spalle?

Per l’accesso ad Internet, la Legge Pisanu* è più un freno a mano che una norma di regolamentazione, penso non sia un mistero per chi legge queste pagine. Ma ci potrebbe essere una svolta, prefigurata da quanto dichiarato dal Ministro del Turismo Michela Brambilla che – come rileva Michele Ficara Manganelli – ha in cantiere un Disegno di Legge per agevolare e liberalizzare l’accesso a Internet a partire dalle strutture turistiche. Il Ministro ha dichiarato:

E’ necessario cioè semplificare e liberalizzare l’accesso ad internet per il turista che soggiorna nel nostro paese non solo nelle strutture ricettive, ma anche al di fuori di esse (internet point e hot spot WiFi), in quanto il viaggiatore del terzo millennio non deve essere più penalizzato nella navigazione on line.”

Se, oltre al turista che soggiorna nel nostro paese, si pensasse appunto anche ai cittadini ivi residenti, troverei la proposta più completa, nonché cosa buona e giusta. Trovo peraltro legittimo che il ragionamento del Ministro del Turismo parta dai benefici fruibili dai turisti, per un provvedimento di più ampio respiro a beneficio dei cittadini italiani infatti sarebbe auspicabile che queste intenzioni venissero formulate – o condivise – dai responsabili di altri ministeri (ad esempio Interni e Sviluppo Economico, che sovraintende al dipartimento delle Comunicazioni, oltre che a quello del Turismo).

Fin qui le dichiarazioni. Per i fatti, anche in questo caso, attendiamo fiduciosi.

___

* Il c.d. Decreto Pisanu, poi convertito in Legge, è un provvedimento antiterrorismo tuttora in vigore, approvato dal Parlamento nel 2005 con una larga maggioranza (bipartisan) contenente anche norme sull’accesso a Internet che impongono ai fornitori di accesso di conservare un registro che lega l’identità dell’utente all’indirizzo IP utilizzato per la connessione e vieta le connessioni anonime o non registrate. La ratio di questa norma è condivisa da leggi in vigore o allo studio in altri Paesi. Non è detto che sia necessario abolirla, sarebbe sufficiente apportare un emendamento finalizzato a rendere meno “ingessante” l’iter che prevede in censimento dell’utente.

 
4 commenti

Pubblicato da su 21 novembre 2009 in Internet, Ipse Dixit, Life, Mondo, news

 

Oltre il Decreto Pisanu

Ha un sapore d’altri tempi, a mio avviso, l’immagine dei poliziotti indiani che girano per Mumbai con il laptop in mano in cerca di reti WiFi aperte.

Sembra infatti che le forze dell’ordine della metropoli indiana, a breve, pattuglieranno strade, uffici e residenze cittadine alla ricerca di reti wireless non protette, per imporre ai rispettivi proprietari di proteggerle opportunamente, con l’obiettivo di contrastare sul nascere eventuali iniziative terroristiche. La notizia è stata riferita ieri dal Times of India, che oggi spiega come alcuni mesi fa alcuni terroristi abbiano sfruttato connessioni WiFi aperte per inviare e-mail di rivendicazione e minaccia.

 
1 Commento

Pubblicato da su 10 gennaio 2009 in Internet, Mondo

 

WiFi, verso la liberalizzazione

La prospettiva di entrare nel prossimo anno con una normativa sul WiFi diversa da quella attuale potrebbe concretizzarsi davvero: Roberto Maroni, Ministro dell’Interno, venerdì scorso ha dichiarato che dal 1° gennaio 2011l’accesso al WiFi pubblico sarà liberalizzato, annunciando il primo passo di un cammino che potrà portare l’Italia a raggiungere – in materia di accesso alla Rete – una disciplina analoga a quella adottata da altri Paesi. In realtà, tutto dipenderà da come proseguirà questo cammino, perché le parole del ministro sono state confortanti, ma non esaustive.

Una nota del Governo informa che “Il Consiglio dei Ministri del 5 novembre 2010 ha approvato un decreto-legge recante misure urgenti in materia di sicurezza, in particolar modo, nelle città e durante le manifestazioni sportive. Il provvedimento inoltre rimuove le restrizioni in materia di accesso alla rete Wi.Fi”. Le ultime due righe del comunicato, che descrive gli ambiti di applicazione del nuovo provvedimento, spiegano: “Infine, pur mantenendo adeguati standard di sicurezza, è previsto il superamento delle restrizioni al libero accesso alla rete WiFi“.

La disciplina dell’accesso alle reti WiFi è contenuta nell’articolo 7 della norma antiterrorismo conosciuta come Decreto Pisanu (poi convertito in legge), che stabilisce l’obbligo – per tutti i soggetti interessati ad offrire un servizio di connettività wireless – di identificazione degli utenti mediante documento di identità e al mantenimento dei log di navigazione. La norma prevede inoltre che il titolare dell’attività che attiva questo servizio debba inoltrare alla questura la richiesta di un’apposita licenza e solamente per questo obbligo era stata fissata una scadenza, definita in prima istanza al 31 dicembre 2007, successivamente prorogata fino all’anno in corso.

In attesa di conoscere i contenuti del decreto legge approvato venerdì scorso, si possono formulare soltanto delle supposizioni: se l’obiettivo del governo fosse quello di non procedere con una proroga al 2011 degli effetti del decreto Pisanu, rimarrebbe in vigore l’obbligo di identificazione con un documento di identità. Per eliminare questa restrizione non sarebbe dunque sufficiente escludere la norma dal decreto milleproroghe (come avvenuto negli ultimi anni), ma si renderebbe necessario un provvedimento che andasse ad abrogare l’articolo 7. Il requisito dell’identificabilità dell’utente potrebbe essere mantenuto solo con nuove disposizioni che – orientate al superamento delle restrizioni oggi in vigore – dovrebbero prevedere l’introduzione di altre forme di tracciabilità.

La spiegazione data dal ministro Maroni preannuncia un percorso in questa direzione: “Per contemperare l’esigenza della libera diffusione del WiFi e quella della sicurezza, valuteremo quali siano gli adeguati standard di sicurezza e dal primo gennaio i cittadini saranno liberi di collegarsi ai sistemi WiFi senza le restrizioni introdotte cinque anni fa e che oggi sono superate dall’evoluzione tecnologica”. Significa che la navigazione degli utenti dotati di laptop, netbook, tablet e smartphone potrà essere tracciata con altri criteri, auspicabilmente rispettosi del diritto alla privacy di ognuno, definiti verosimilmente in un nuovo disegno di legge.

Il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, in seguito alle dichiarazioni liberalizzatrici del ministro Maroni, ha espresso preoccupazione sulla possibilità di tracciare elementi utili ad individuare 16mila reati (le fattispecie finora identificate dalla Polizia Postale), ma contemporaneamente ha dichiarato di ritenere “giusto che un tavolo tecnico in tempi rapidissimi lavori per trovare un punto onorevole di mediazione tra sicurezza e libertà”.

Resta dunque da capire quanto queste forme di controllo possano realmente esprimere efficacia nel reprimere obiettivi terroristici o criminali. Non è evidentemente efficace l’obbligo di identificazione attraverso un documento: un malvivente o un terrorista potrebbe presentare una carta d’identità fasulla, non immediatamente verificabile, con buona pace di chi ha visto nell’articolo 7 del Decreto Pisanu una misura antiterroristica applicabile ad un ambito tecnologico. Ne consegue che chi fa parte di un’organizzazione terroristica o criminale, o ha comunque un’adeguata competenza, può eludere o rendere inefficaci gli strumenti di controllo che lo dovrebbero bloccare.

E forse è proprio con questa consapevolezza che il ministro Maroni, la scorsa settimana, si è confrontrato su questi temi con il responsabile antiterrorismo israeliano in occasione di Israel HLS STOP, la prima conferenza internazionale su politiche ed operatività delle tecnologie di sicurezza. L’evento si è svolto a Tel Aviv presso l’Hotel Dan Panorama, che tra i vari servizi offerti ai clienti consente l’accesso a Internet con WiFi, così come moltissimi altri alberghi e caffé, nonché aree pubbliche di una città che può essere considerata il principale centro economico di un Paese che, con il terrorismo, convive purtroppo da molto tempo e che ha accantonato – in questo ambito tecnologico – la schedatura degli utenti, proprio perché ritenuta una soluzione non efficace.

Ma era proprio necessario cercare un conforto consulenziale ad Israele in merito a questo argomento? Probabilmente no: anche in Italia operano esperti in grado di rispondere alle esigenze legate alle problematiche della sicurezza dell’accesso ad Internet. Sarebbe stato sufficiente avere il loro supporto qualche anno fa per comprendere l’esistenza della possibilità di penetrare in una rete WiFi protetta e la scarsa utilità delle misure previste dal Decreto Pisanu. Oggi potrebbero spiegare al ministro che esistono metodi per navigare in mobilità in modo anonimo anche su reti UMTS.

Ben venga, comunque, l’obiettivo di superare le restrizioni oggi previste per l’accesso alle reti WiFi. Ma non si cada nell’errore di vedere in questa iniziativa la possibilità di far decollare l’accesso a Internet in Italia: il digital divide, come fenomeno tecnologico e culturale, esiste ancora.

[pubblicato alle 00:00 di oggi su The New Blog Times]

 
Commenti disabilitati su WiFi, verso la liberalizzazione

Pubblicato da su 8 novembre 2010 in Internet, Ipse Dixit, Life, Links, Mondo, news, News da Internet, privacy, security, tecnologia

 

Le parole sono importanti. Come il WiFi libero

Qualcuno la reputa la notizia del giorno, ma credo sia necessario aspettare: la vera notizia arriverà tra qualche settimana.

Dopo la sua recente visita in Israele, ha detto ancora Maroni, nel corso della quale ha incontrato il responsabile dell’antiterrorismo di Gerusalemme, “ho valutato che si possa procedere all’abolizione delle restrizioni del decreto Pisanu, che scade il 31 dicembre, e dal 1 gennaio introduciamo la liberalizzazione dei collegamenti wi-fi attraverso gli smartphone”. “Da qui a dicembre -ha concluso Maroni- valuteremo quali siano gli adeguati standard di sicurezza e dal 1 gennaio i cittadini saranno liberi di collegarsi ai sistemi wi-fi senza le restrizioni introdotte 5 anni fa e che oggi sono superate dall’evoluzione tecnologica”.

A parte il fatto che l’accesso libero al WiFi non si fa solo tramite smartphone (approssimazione o assurdità? per ora non alzerò il sopracciglio), non c’è nessun motivo per festeggiare. Il ministro Maroni non ha ancora detto nulla sulle misure di sicurezza che saranno introdotte in luogo dell’articolo 7 del Decreto Pisanu: per ora si sa solo che potrebbe non essere più necessaria l’identificazione dell’utente con un documento di identità.

E’ la conclusione più ovvia che si può trarre dalle parole del ministro e dalla frase “pur mantenendo adeguati standard di sicurezza, è previsto il superamento delle restrizioni al libero accesso alla rete WiFi” che si trova nel comunicato stampa diffuso oggi da Palazzo chigi.

Di questi fatti e della prospettiva dell’introduzione di forme di tracciabilità, parlerò più diffusamente lunedì su The New Blog Times.

Per ora buon week-end.

 
Commenti disabilitati su Le parole sono importanti. Come il WiFi libero

Pubblicato da su 5 novembre 2010 in cellulari & smartphone, computer, Internet, Life, Mondo, news, News da Internet, privacy, security, tecnologia

 

Incrociamo le antenne

Dicono che nel prossimo Consiglio dei Ministri si parlerà dell’articolo 7 della Legge Pisanu

Terrorismo: Brunetta, modifiche Legge Pisanu a esame prossimo CDM – ASCA

Venezia, 18 ott – Una modifica o un’abrogazione dell’articolo 7 della legge Pisanu, che mette in conto, a fini antiterrorismo, limitazioni ai servizi di accesso wireless pubblici sara’ uno dei temi all’ordine del giorno del prossimo cdm. Lo ha detto a Venezia il ministro Renato Brunetta.

”C’e’ un grande consenso politico – ha spiegato Bunetta – Ci sono dei problemi di ordine nazionale e di coerenza internazionale, ma il ministro Maroni si e’ detto disponibile e penso che gia’ dal prossimo Cdm, se non gia’ una modifica, ci sara’ una discussione”.

Attendiamo gli sviluppi…

 
3 commenti

Pubblicato da su 18 ottobre 2010 in Internet, Ipse Dixit, Mondo, news, News da Internet

 

Anno nuovo, problemi vecchi

Nel giorno in cui il Presidente della Repubblica, nel pronunciare il consueto messaggio di fine anno, inaugurava il nuovo canale aperto dal Quirinale su YouTube (annunciato da un comunicato in cui ha trovato posto la massima “Le nuove tecnologie non conoscono né barriere né frontiere”), sulla Gazzetta Ufficiale veniva pubblicato il testo del decreto milleproroghe, nei cui 11 articoli e 77 commi il Governo ha rinviato una lunga teoria di scadenze come i termini per aderire allo scudo fiscale, quelli degli studi di settore e di altre misure di indirizzo fiscale, nonché i termini legati ai vincoli all’accesso ad Internet via WiFi definiti dalla Legge Pisanu (salvabile per alcuni aspetti, ma da rendere meno farraginosa).

Fermo restando che ora il milleproroghe seguirà l’iter parlamentare (nell’ambito del quale auspico qualche favorevole modifica), sono sempre dell’avviso che la normativa Pisanu rappresenti un esempio non certo positivo dell’approccio che le nostre istituzioni mostrano di avere verso Internet e la tecnologia. Fortunatamente, da qualche tempo, la Polizia delle Comunicazioni ha varato alcune procedure che hanno migliorato la situazione e introdotto agevolazioni sulle modalità di identificazione. Del resto, della necessità di agevolare l’accesso alla Rete e di una revisione della normativa ha parlato recentemente lo stesso Pisanu:

Non pensa che il decreto del 2005 sui punti Internet pubblici e in particolar modo sul Wi-Fi sia da modificare in senso meno restrittivo?
Ritengo di sì, tenendo conto, da un lato, che le esigenze di sicurezza sono nel frattempo mutate e, dall’altro, che l’accesso ad internet come agli altri benefici dello sviluppo tecnologico deve essere facilitato.

Ho sempre ritenuto, inoltre, che le briglie imposte dalla legge Pisanu tendessero a tutelare,per alcuni aspetti, il business dei grandi nomi del mercato italiano delle TLC e proprio per questo motivo, per il 2010, l’Italia avrebbe potuto cogliere l’occasione di lasciarsi alle spalle il problema pensando, appunt, ad una revisione. Tuttavia, per la proroga dei termini di questa normativa non trovo ci sia da strapparsi i capelli, non è una gran sorpresa – come scrive onestamente Dario Denni – ma soprattutto, allo stato attuale, non mi sembra così tragicamente deleteria come appare a coloro che la vedono come una muraglia a cui imputare il mancato decollo del libero accesso alla Rete.

Ritengo che le cause siano varie, una delle più importanti è l’immaturità digitale del nostro Paese e un dato di fatto riscontrato anche (ma non solo) dal sottoscritto è che l’opportunità di avere un accesso WiFi in un esercizio pubblico ha riscosso finora un tiepido interesse su più fronti. Nell’ambito della clientela di un esercizio, purtroppo gli utenti interessati a questo tipo di servizio rappresentano ancora oggi una minoranza e questo fattore non ne incentiva ne’ la domanda, ne’ l’offerta. Esiste inoltre un altro freno, non trascurabile, rappresentanto dalle pratiche burocratiche da espletare e dagli oneri che un esercente deve sostenere per offrire questi servizi. Per non parlare di certi esercenti che non doteranno mai il proprio locale di accesso WiFi perché non vedono di buon occhio un avventore che, dopo la consumazione, tiene occupato il tavolo perché si intrattiene a navigare con il proprio laptop (senza consumare altro e impedendo che quello stesso tavolo possa accogliere nuovi avventori e favorire nuove consumazioni).

Molto spesso chi propugna la massima libertà di accesso a Internet anche via WiFi cita l’esempio degli USA, dove questa tecnologia ha una maggiore diffusione, e di altri Paesi europei in cui non esistono restrizioni come quelle imposte in Italia. Ma non va dimenticato che ora anche oltreoceano si sta pensando ad una proposta di legge mirata proprio all’autenticazione degli utenti su Wifi con conservazione dei log e che – come rileva oggi Massimo Mantellini – ad eccezione dell’esempio francese (in cui c’è una certa diffusione di network attivati da alcuni operatori), nel Vecchio continente le reti WiFi sono scarsamente diffuse.

Io credo che si potrebbe puntare su altri obiettivi e uno potrebbe essere quello di favorire la connettività internet su rete mobile con piani tariffari flat più abbordabili per connessioni con tecnologie UMTS, HSPA e – inun futuro prossimo – LTE.

 
1 Commento

Pubblicato da su 3 gennaio 2010 in Internet, media, Mondo, news

 

Regno Unito, WiFi unito

FON e British Telecom hanno annunciato una partnership che ha l’obiettivo di riempire la Gran Bretagna di BT FON Spot.

Fin dall’inizio i Fonero hanno creduto nel principio della condivisione e nella possibilità da parte di ognuno di noi di creare qualche cosa di importante di cui avrebbero beneficiato tutti. British Telecom è un ISP e una delle società di telecomunicazioni più importanti a livello mondiale: grazie anche a British Telecom, le vostre convinzioni si sono rivelate fondate.
E ovviamente, la migliore notizia per tutti i Foneros nel mondo e’ quella di potersi connettere gratis ai nuovi Hotspot della BT FON community!

Questo è parte di quanto Luis Hernández ha postato oggi nel FON Blog italiano, a beneficio degli utenti italiani che – a motivo della normativa vigente (legge Gasparri + decreto Pisanu) – non possono ancora vedere realizzata un’iniziativa analoga in patria. Non è detto che la situazione non possa cambiare: la questione dell’illegalità di Fon è ben nota al Ministero delle Comunicazioni. Ma di evoluzioni, al momento, non se ne vedono.

 
3 commenti

Pubblicato da su 4 ottobre 2007 in Mondo, news

 

Tag: , ,

Fon: illegale, ma riconosciuto dal ministro

E’ online la nuova release del sito del Ministero delle Comunicazioni. Che, come segnala Stefano Quintarelli, è bello. E, come segnala anche Pandemia, mostra una certa benevolenza verso FON.

Piccola sottolineatura: come noto, nel nostro Paese FON è illegale. Ma nonostante questo, nella sezione Hotspot WiFi, in fondo all’elenco dei punti di accesso WiFi in Italia pubblicato dal Ministero (in formato PDF e XLS) si legge:

Una nota a parte merita la “FON Community” i cui Hotspots non sono stati riportati ma sono individuabili all’indirizzo http://maps.fon.com/.
Nato in Spagna il progetto nel tempo ha attraversato notevoli cambiamenti diventando una iniziativa commerciale su scala mondiale.
Mira ad una copertura del territorio in banda larga wireless su base collaborativa trasformando ogni associato in un “hot spot” Wi-Fi condividendo parte della propria connessione ADSL flat e ottenendo accesso gratis nei FON spots della Community nel mondo.
ATTENZIONE però, il “Codice delle Comunicazioni Elettroniche” meglio noto come “Legge Gasparri” stabilisce che le tecnologie wireless, ed in particolare le IEEE 802.11a/b/g, meglio note con il nome commerciale di “WiFi”, possano essere usate solo in ambienti privati, e non devono essere utilizzate od anche solo attraversare suolo pubblico.
Inoltre per fornire accesso commerciale a terzi è necessario essere a tutti gli effetti degli ISP.
Un “Fonero”, così vengono chiamati gli appartenenti alla “FON Community”, viola con certezza, se non tutti e due i punti, senz’altro il primo inoltre molti contratti ADSL vietano la rivendita e la cessione a terzi del servizio.
C’è poi il “Decreto Pisanu” che obbliga, chiunque fornisca accesso pubblico a reti telematiche, ad identificare gli utenti ed a conservare registrazione degli accessi.
Stando a quanto dichiarato da FON la Community si è molto ampliata ma a tutt’oggi non risultano precisate, in Italia, né lo status legale di Fon né le relative responsabilità legali dei “Foneros” italiani.

Insomma, il Ministero delle Comunicazioni dimostra di conoscere questa realtà e sa che nel nostro Paese la community si sta allargando. Fine. Il problema della legalità resta lì, ancora da affrontare, con due leggi che a tutt’oggi lo vietano.

Non è una questione di lana caprina: se è illegale, perché parlarne? E’ come se sul sito del Ministero dei Trasporti si parlasse di strade ed autostrade che invitano gli automobilisti a premere sull’acceleratore e a correre oltre i limiti di velocità, azione vietata dal codice della strada. Al di là dell’esistenza di limiti poco proponibili sulle strade italiane (sia perché ridotti o eccessivi), sui siti istituzionali – giustamente – non si fa cenno nemmeno da lontano dell’eventuale possibilità di superare i limiti di velocità in talune circostanze, perché c’è in gioco la sicurezza dei cittadini.

Parlare di FON sul sito del Ministero delle Comunicazioni, invece, significa mettere in discussione proprio le due leggi che ne vietano la diffusione. Come a dire “è illegale, però esiste”, ed esiste anche per il fatto che non c’è una concreta opera di repressione in tal senso. Per cui forse varrebbe la pena affrontare il problema, proprio dal punto di vista della legalità, e risolverlo. O no?

 
5 commenti

Pubblicato da su 6 agosto 2007 in media, news

 

Tag: ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: