RSS

Rottamare bene il cellulare

27 Dic

Vedere un paio di telefoni che spuntavano da un cassonetto oggi mi ha fatto ricordare il problema dei RAEE, i rifiuti elettrici ed elettronici.

Del problema dei cellulari mal buttati avevo parlato qualche mese fa su Punto Informatico: ogni anno milioni di dispositivi elettronici – soprattutto telefoni cellulari – vengono buttati, rottamati, abbandonati, perché sostituiti con modelli più nuovi, trendy e alla moda. Ora l’Independent, che si è accorto delle proporzioni del problema, lancia un allarme di carattere ambientale: si calcola che solo nel Regno Unito i telefonini abbandonati o buttati in discarica possano formare una montagna di rottami da 11mila tonnellate. E nonostante un cellulare sia fabbricato per avere una vita media di circa cinque anni (il mio primo Panasonic, ora in mano a mia madre, ne ha nove e ho cambiato batteria una sola volta), ogni anno in Europa un utente su tre lo cambia.

I rifiuti elettrici ed elettronici, i RAEE, non vanno buttati nell’immondizia o lasciati in una discarica, ma devono essere rottamati in modo opportuno. C’è chi sta pensando al business del riciclo, che non sarebbe male, ma c’è bisogno – ripeto – di sensibilizzare l’opinione pubblica al problema ambientale. In Italia il recepimento della normativa sulla raccolta e lo smaltimento di questi rifiuti ha già avuto una tormentata gestazione. Finora non ho visto molto, ne’ come iniziative pubbliche, ne’ come iniziative private. L’unica azienda ad essersi mossa in un modo convincente sembra essere 3 Italia. Che è un operatore di telefonia mobile, non un produttore. Speriamo che nel 2008 si faccia davvero sul serio.

 
1 Commento

Pubblicato da su 27 dicembre 2007 in Mondo, news

 

Tag: ,

Una risposta a “Rottamare bene il cellulare

  1. Sally

    28 dicembre 2007 at 20:14

    Hai ragione, nemmeno qui si sono sentite le novità sulla raccolta dei rifiuti elettronici. Il governo non vuole reclamizzare le nuove regole? Se si’, perche’?

     
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: