RSS

Archivi tag: cybersecurity

And the winner is… 123456! (le peggiori password del 2018)

Anche quest’anno 123456 è in vetta alla classifica delle peggiori password più utilizzate al mondo! Lo riferisce SplashData, che ha elaborato un database di credenziali (5 milioni di utenze) formato da dati resi pubblici in seguito ad attacchi di varia natura, inclusi phishing e ransomware.

La classifica viene stilata da otto anni e 123456 vince per il quinto anno consecutivo. E’ evidente come, nonostante l’aumento degli attacchi e la crescita delle vulnerabilità rilevate, la consapevolezza degli utenti rimanga sempre allo stesso livello: scarso.

Ferma restando la certezza che nel mondo digitale nulla è sicuro al 100%, è ormai risaputo che una password solida deve rispondere ad alcuni requisiti minimi di complessità che la rendano difficilmente individuabile ed è necessario considerare che, per scoprirla, oltre ad espedienti ingannevoli per carpirle direttamente agli utenti, è possibile ricorrere a programmi che la trovano tentando ogni possibile combinazione di caratteri. Questi sistemi riescono in pochissimo tempo a scovare una password “semplice”: una frazione di secondo è sufficiente per rivelare una password che deriva da un termine presente nel dizionario, altrimenti – in caso di stringhe di caratteri prive di senso compiuto – pochi secondi bastano per individuare una password di sei caratteri, una decina di minuti per una da sette caratteri.

Molti utenti si demotivano a creare password sicure per due ragioni: il tempo e la memoria. Perché il tempo? Perché scegliere una nuova password è una seccatura, quindi spesso viene ideata di fretta perché accade ad esempio di doverne inventare una nuova alla scadenza di una password vecchia, e allora si ricorre ad una soluzione rapida per accedere velocemente a computer o dati. Ma si ha fretta anche quando la si deve digitare, perché anche scrivere una password lunga viene ritenuta una seccatura. A monte di tutto questo c’è la necessità di doversela ricordare – per questo parlavo di memoria – e una password semplice e breve è ovviamente più facile da ricordare di una complessa: si fa prima con “0000” oppure con “Qp5%èMa9C#”?

Però, onestamente, tra digitare una password di 4 zeri e una password complessa, pur composta da lettere, numeri e caratteri speciali, c’è una differenza di qualche secondo. E’ da considerare come un investimento di tempo, breve ma utile alla sicurezza delle informazioni che protegge. Per capire quanto è sicura una password, propongo una piccola verifica su uno di questi due siti web:

Entrambi assicurano di non tenere traccia di quanto digitato, ma in ogni caso non è indispensabile scrivere esattamente la password che intendete utilizzare: è possibile provarne una simile, con lo stesso numero di caratteri e composta con lo stesso criterio.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17 dicembre 2018 in news, security

 

Tag: , , , ,

Spiati dalle smart tv? Fosse solo quello il problema…

Utenti spiati dalle smart tv, colpiti alcuni modelli di Sony Bravia

Così titolava Repubblica tre giorni fa, introducendo un articolo di Alessandro Longo relativo a tre vulnerabilità ai danni di alcuni modelli di smart tv della gamma Sony Bravia. Gli effetti di queste falle segnalate da Fortinet – che Sony dichiara di aver sanato con il rilascio degli opportuni aggiornamenti – vanno dalla possibilità di controllo totale dell’apparecchio (e quindi ad esempio della webcam, da cui si potrebbe essere spiati e registrati) al malfunzionamento di alcune applicazioni disponibili sul dispositivo.

Come detto sopra, rilevato il problema e individuata la soluzione, il produttore rilascia gli aggiornamenti di sicurezza, ma il dispositivo resta vulnerabile se questi update non vengono scaricati e installati: è quindi vitale verificare le impostazioni del sistema affinché vengano applicati automaticamente appena disponibili.

La gamma Bravia è solo l’ultima (scoperta) tra le possibili vittime di questo tipo di bug: per rimanere in tema di prodotti molto diffusi, in febbraio Consumer Reports aveva illustrato altre criticità per televisori Samsung, TCL e device Roku. Alla base del problema c’è il fatto che i dispositivi connessi alla rete sono sostanzialmente “esposti” e ciò implica la necessità che tale collegamento avvenga in un contesto controllato e consapevole. Dall’altra parte della connessione, infatti, è molto semplice e agevole monitorare gli utenti dei dispositivi connessi, e non importa che si tratti di TV, computer, sistemi di automazione domestica o industriale, smartphone.

Anni fa ho avuto occasione di evidenziare un esempio di quanto Google fosse in grado di controllare gli spostamenti degli utenti attraverso la Location History (cronologia delle posizioni). Quanti, oggi, ne sono consapevoli? Davvero dal Datagate non abbiamo imparato nulla, con tutte le tracce che lasciamo in rete?

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15 ottobre 2018 in news

 

Tag: , , , , , , , , ,

Ti spiezzo in dü (il sequel di “Si fa presto a dire cybersecurity”)

attaccoinformatico

A proposito di quanto detto e scritto in occasione degli attacchi informatici subìti dalla Farnesina e dei sospetti caduti sui Russi, gli stessi che avrebbero violato le mail di Hillary Clinton e favorito le elezioni di Donald Trump, probabilmente veicolati da un malware “simile a quelli usati anche dalla scuola russa di polizia informatica“, emerge ora un’interessante ipotesi:

il più famoso e controverso gruppo di hacker, noto come APT28, di probabile origine russa, potrebbe aver copiato del codice di una nota azienda italiana, Hacking Team

Va detto che l’azienda milanese è piuttosto scettica al riguardo:

(…) già nei giorni successivi all’attacco hacker subito dalla società, tutti i produttori di software hanno potuto leggere il codice di Hacking Team e aggiornare i sistemi operativi per neutralizzarlo, come risulta dalle verifiche effettuate dalla società dopo l’hackeraggio. Alla luce di questa premessa, Hacking Team ritiene assurdo che APT28 possa aver utilizzato per le sue recenti azioni il software della società reso pubblico dopo l’hackeraggio del luglio 2015 (…)

Tutto plausibile. A meno che qualcuno – con un punto interrogativo comparso sopra la propria testa – non abbia pensato: “Aggiornare i sistemi operativi?”

 
Commenti disabilitati su Ti spiezzo in dü (il sequel di “Si fa presto a dire cybersecurity”)

Pubblicato da su 22 febbraio 2017 in news

 

Tag: , , , , , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: