RSS

L’ultimo videoregistratore

Funai videoregistratore

L’azienda giapponese Funai ha annunciato che il 30 luglio cesserà la produzione di videoregistratori, settore di cui è rimasta ormai l’unica rappresentante e in cui – questa a mio avviso è la vera notizia – nel 2015 è stato raggiunto un volume di vendita di 750mila unità. Lo stop alla produzione sarebbe dovuto alle crescenti difficoltà nel reperire la componentistica.

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22 luglio 2016 in news

 

Tag: , , , ,

Umanoidi in arrivo

IIT_R1

A me R1, il nuovo robot domestico presentato dall’Istituto Italiano di Tecnologia, ricorda abbastanza da vicino gli androidi del film Automata e Baymax di Big Hero 6 (ma anche R2D2 e C3P0 di Star Wars). Questo però è vero.

Cito dalla presentazione:

Design italiano, altezza variabile di 20 cm a partire da 1 metro e 25 cm, peso di 50 kg, 50% in plastica e 50% fibra di carbonio e metallo, è concepito per operare in ambienti domestici e professionali.

R1 -“Your Personal Humanoid” è stato realizzato, partendo dall’esperienza maturata da IIT su iCub, il robot umanoide per la ricerca più diffuso al mondo. R1 è anch’esso umanoide e ha elementi di unicità:

  • è progettato studiando le reazioni umane durante l’interazione con lui.  Si tratta di un lavoro in collaborazione con designers, creativi e neuroscienziati per capire quali aspetti della forma e movimento del robot lo fanno sembrare più “umano”;
  • la sua Intelligenza Artificiale (IA) è studiata e sviluppata direttamente sull’umanoide. La maggior parte degli studi sull’IA sono condotti indipendentemente dall’esistenza di un corpo robotico, mentre, al contrario, gli ultimi studi sulle neuroscienze dicono che l’intelligenza si sviluppa in maniera funzionale al corpo che la ospita;
  • ha un corpo di nuova concezione, in cui sono utilizzati attualmente per il 50% della struttura materiali plastici. Le versioni future incorporeranno materiali intelligenti, come quelli basati su grafene, o biodegradabili, sensori sempre più sofisticati, batterie più efficienti e circuiti incorporati nella struttura stessa del robot.

R1 è stato realizzato in soli 16 mesi grazie alla collaborazione di una squadra di 22 scienziati e tecnici di IIT guidati da Giorgio Metta, alcuni progettisti industriali dell’area genovese, e un gruppo di industrial & graphic designer, esperti di entertainment e illustratori proveniente da due diverse realtà creative: una di Milano che ha coordinato lo sviluppo del concept creativo, l’individuazione degli scenari di interazione e mercato coordinata da Andrea Pagnin e Luigi Focanti per 6.14 Creative Licensing, e l’altra di Barcellona coordinata da Pierpaolo Congiu di Drop Innovation, che ha collaborato con la realtà milanese per la realizzazione del design delle superfici dell’umanoide.

Un risultato considerevole e – tecnologicamente – affascinante. Opportunamente configurato, può essere d’aiuto in attività domestiche, per l’assistenza a persone anziane e altri impieghi analoghi; in ambienti professionali può rivelarsi utile per attività di accoglienza, come receptionist e come factotum, compatibilmente con le proprie attitudini, la sua capacità di auto-apprendimento e la sua velocità di movimento, attualmente limitata a 2 km/h.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20 luglio 2016 in news

 

Carta di identità elettronica, è la volta buona?

cie

Inizia oggi il nuovo percorso della CIE, la Carta d’Identità Elettronica, che avrà funzione di documento di identità (riportando sul retro anche il codice fiscale e gli estremi dell’atto di nascita) e servirà per l’autenticazione ai servizi digitali della Pubblica amministrazione. Sarà possibile specificare il consenso alla donazione degli organi e i contatti (ne le modalità di contatto (telefono, indirizzo di posta elettronica o Pec) e sul chip sarà possibile memorizzare le impronte digitali e l’immagine della foto del cittadino. La disponibilità del servizio sarà gradualmente estesa presso i Comuni italiani (quelli abilitati sono indicati in un elenco pubblicato sul sito del Ministero dell’Interno). Alla scadenza della vecchia carta (o in caso di smarrimento, furto o deterioramento) sarà possibile fare richiesta di una nuova carta presso il Comune di residenza ed è possibile prenotare un appuntamento sul sito agendacie.interno.gov.it. La tessera sarà spedita direttamente al cittadino che la riceverà entro sei giorni dalla richiesta (o al comune o a un indirizzo specificato). Il Costo del servizio: 16,79 Euro, a cui però vanno aggiunti i diritti fissi, di segreteria e le spese di spedizione.

Speriamo sia davvero la volta buona, se ne parla davvero da molto tempo.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 4 luglio 2016 in news

 

Tag: ,

Complimenti per la… convenzione

ComplimentiPerLaConnessione

Quindi il compito di educazione e alfabetizzazione digitale assunto dalla Rai in funzione del proprio ruolo di concessionaria del servizio pubblico nel corso dell’estate verrà affidato ad una sit-com  trasmessa in prima serata con Nino Frassica, Simone Montedoro e Francesco Scali (dall’11 luglio).

Marco Camisani Calzolari e Alessandro Longo, potreste chiedere di mandare in onda le repliche dei vostri interventi a Unomattina?

 

 

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 1 luglio 2016 in news

 

Tag: , , , , , ,

Coming Soon: The Floating Piers on Google Street View

Foto5(6)[1]

Il 3 luglio 2016 sarà l’ultimo giorno possibile per visitare The Floating Piers, ma l’opera galleggiante di Christo avrà un seguito virtuale: il percorso pedonale di tre chilometri sopravviverà infatti su Google Street View. La mappatura del Google Trekker ha preso il via stamattina, concretizzando il progetto nato dalla collaborazione tra Google, Provincia di Bergamo e Cai, che fa seguito alla mappatura dei sentieri delle Orobie.

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 1 luglio 2016 in news

 

Tag: , , , , ,

L’uomo che sussurrava all’ufficio brevetti

1992ThomasRoss1

Il signor Thomas Ross dalla Florida racconta che nel 1992 realizzò tre disegni tecnici in cui prefigurò design e caratteristiche che quindici anni dopo Apple avrebbe lanciato sui propri dispositivi mobili (iPod, iPhone, iPad). Ross afferma di aver depositato quei disegni a corredo di una domanda di registrazione di brevetto per un dispositivo con display tattile, ideato per comunicare, compilare un’agenda, memorizzare dati, leggere libri e riviste in formato elettronico e visualizzare immagini e video. La validità della domanda è però decaduta dopo il 1995, anno in cui il detentore cessò di pagare le relative tasse. Ora ha tentato di avviare un’azione legale, a suo dire a tutela dei propri diritti, per chiedere ad Apple 10 miliardi di dollari, praticamente una royalty pari all’1,5% di quanto ricavato dall’azienda per la vendita dei propri dispositivi mobili.

Due domande sorgono spontanee:

  1. Perché il signor Ross ha taciuto dal 2007 (anno di lancio dei primi iPhone e iPod touch) al 2014?
  2. E se fosse un patent troll?

 

 

 
1 Commento

Pubblicato da su 30 giugno 2016 in news

 

Tag: , , , , , , ,

Malware, Italia fra le più colpite in UE

L’Italia è seconda classificata in Europa – e trentesima nel mondo – nella classifica dei Paesi più colpiti dai malware su computer e dispositivi mobili, secondo Check Point Software Technologies. Fra i protagonisti spiccano sempre Conficker – che viene diffuso tipicamente da chi utilizza Facebook, Skype, Gmail e YahooMail – e Hummingbad, che prende di mira i dispositivi Android. Numericamente meno significativo, ma dagli effetti nefasti e per certi versi devastanti, rimane Cryptolocker nelle sue innumerevoli varianti.

Non stancatevi mai di fare un backup periodico dei vostri dati. Decidete voi quando e in che modo farlo (preferendo supporti esterni al dispositivo che contiene i dati): nessuno meglio di voi sa cosa significa perdere foto e documenti, personali e aziendali. A volte basta un backup settimanale, per alcuni è necessario giornaliero, per altri mensile: ognuno sa quanto lavoro c’è dietro a ogni file memorizzato (e che ci sono file ripetibili, ma anche irripetibili, come accade con le foto). Un backup in più non è mai di troppo.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29 giugno 2016 in news

 

Tag: , , , , , ,

Agcom prende le distanze dal mercato e dall’evoluzione

messaging_baloons

Agli utenti la connessione ad Internet costa, sia da rete fissa che da rete mobile. Questo costo è ovviamente un introito per le compagnie telefoniche. Al di là degli aspetti legati all’equità delle tariffe applicate dalle varie aziende, il principio che prevede il pagamento di un certo prezzo a fronte di un servizio è logico, ovvio e sacrosanto, perché è alla base della sua sostenibilità. Per lo stesso principio, è illusorio pensare che un qualsiasi contenuto veicolato da Internet possa essere gratuito. Certo, esistono offerte commerciali che propongono qualcosa gratis, ma ciò avviene solo perché in determinati casi un soggetto non paga per avere un determinato servizio. Tuttavia la remunerazione di quel servizio passa obbligatoriamente per altri canali (inserzioni pubblicitarie pagate dagli inserzionisti, profilazione degli utenti per le medesime inserzioni pubblicitarie, compensazioni derivanti dal pagamento di altri servizi da parte di altri soggetti…).

Detto questo, non comprendo per quali motivi l’Agcom – nell’indagine “Servizi di comunicazione elettronica” – possa affermare, stando a quanto riporta il Corriere delle Comunicazioni, che le applicazioni di messaggistica come Whatsapp, Telegram, Messenger, BBM, Viber dovrebbero pagare una sorta di pedaggio (“equo, proporzionato, non discriminatorio”) per l’utilizzo della rete. Al traffico dati generato – anzi, consumato – dagli utenti si applicano tariffe e condizioni di utilizzo determinate dalle compagnie telefoniche. Se queste ultime dovessero far pagare una gabella anche a Facebook (che controlla Whatsapp e Messenger) ad esempio, si tirerebbero la zappa sui propri piedi.

Altro discorso, invece, è pensare che le aziende che stanno alle spalle di questi servizi debbano dotarsi di un titolo abilitativo, che le costringerebbe – per continuare ad operare nel nostro Paese – a sottostare alla nostra legislazione sulla privacy, arginando quindi la commercializzazione delle informazioni degli utenti (in prevalenza inconsapevoli), e aprendo le app alle chiamate verso i numeri di emergenza.

Il problema in realtà è a monte e sta proprio nelle possibilità di elusione delle norme sulla privacy: finché tali opportunità esistono e si affiancano alla mancanza di consapevolezza degli utenti, è inutile tentare di metterci una pezza legalizzandole con il pagamento di un “contributo” alle compagnie telefoniche, l’iscrizione a un albo o all’assegnazione di un “titolo abilitativo” (che comportano comunque il pagamento di una tariffa).

Davvero è necessario pensare all’alibi giusto per imporre una tassa sui messaggi istantanei? Di questo passo si potrebbe puntare al francobollo virtuale per ogni e-mail, o un canone per i servizi di streaming audio e video, un contributo da elargire per ogni servizio canalizzato da Internet. Si tratterebbe comunque di balzelli aggiuntivi, giacché – come detto sopra – la gratuità maschera sempre altre modalità di remunerazione. Non sarebbe invece opportuno escogitare qualcosa per favorire l’innovazione, riconoscerne ruolo e importanza (anche per quanto si riflette sul PIL), alfabetizzare gli utenti ed inquadrare in questi binari ogni aspetto, anche dal punto di vista normativo?

 

 

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 giugno 2016 in news

 

Tag: , , , ,

Brexit, conseguenze su economia digitale e innovazione

Su AgendaDigitale c’è l’interessante riflessione “Brexit: le conseguenze sull’economia digitale e l’innovazione” che illustra le ricadute “digitali” del risultato referendario sulla Gran Bretagna e i possibili cambiamenti di scenari e protagonisti nel settore.

E’ tutta da leggere, io evidenzio solo quanto mi ha colpito maggiormente:

  1. A voler vedere il bicchiere mezzo pieno, invece che mezzo vuoto, si può pensare che si aprono nuove prospettive per altre zone che volessero candidarsi a diventare la nuova Silicon Valley europea. Secondo Sacco, le piazza alternative a Londra sono Francoforte, Parigi, Milano. La capitale francese ha il problema dello scetticismo americano, determinato anche dal fatto che non si parla inglese. Francoforte, continua Sacco «è una città molto piccola, non è l’ideale per l’innovazione». Milano, paradossalmente, potrebbe avere una carta da giocare. «Lo dico a malincuore, ma potrebbe essere una valida opportunità». Perché a malincuore? Perché la Brexit è un colpo molto difficile «per tutto il continente, per il progetto europeo, per quello che voleva dire. Non sarà una periodo facile da affrontare».
  2. Carnevale Maffè, invece, ritiene che le due alternative migliori siano Dublino e Francoforte. Milano, e l’Italia, scontano un contesto normativo non certo ideale per il fare impresa, Parigi è penalizzata dal fattore linguistico. Perché Dublino? Perché «l’Irlanda ha una tassazione favorevole sulle attività economiche, parla inglese, uno status giuridico sostanzialmente simile a quello britannico, ad esempio sul fronte della protezione della proprietà intellettuale, già oggi è sede di istituzioni finanziarie e di asset management europee. E’ uno dei candidati più semplici», conclude il docente, che come seconda opzione cita invece Francoforte, che rispetto a Dublino vanta migliori comunicazioni (ad esempio, l’aeroporto).

Da problema a opportunità?

 

 

 

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 giugno 2016 in news

 

Tag: , , , , , ,

LinkedIn will be Microsoft

MicrosoftLinkedin

Quando Microsoft fa la spesa, fa le cose in grande. Adesso si accinge ad acquistare LinkedIn per 26 miliardi di dollari. A quanto mi risulta è l’operazione finanziaria più importante mai svolta da Microsoft, non solo dal punto di vista finanziario, poiché ci fa intuire che la sua strategia integrerà il social network, con i suoi 433 milioni di utenti, con le sue linee di business come gli applicativi Dynamics, Office 365, la comunicazione di Skype.

LinkedIn si è finora focalizzato sullo sviluppo di contatti professionali (mentre Facebook ha sempre mantenuto un approccio generalista). Resta da capire in che misura Microsoft intenderà valorizzarlo. O monetizzarlo.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 giugno 2016 in business

 

Tag: , , , , ,

Il phishing giudiziario

arresto

Non bastano le querele fasulle, adesso anche l’arresto che sta per entrare in vigore (con testi fantasiosi e link che portano a siti esotici di nulla affidabilità).

Se lo ricevete non spaventatevi... cestinate e basta!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 maggio 2016 in security

 

Tag: , , , ,

WhatsApp ora ha la sua applicazione desktop per computer (purché con Windows e Mac OS X)

79a77be6e2d3985e0a2bc8dd7d4a1f8086fc6334[1]

Avviso a tutti gli aficionados di WhatsApp: ora c’è anche l’applicazione desktop disponibile per computer. WhatsApp la presenta come un nuovo modo per rimanere in contatto sempre e ovunque:

La nuova applicazione per computer è disponibile per Windows 8+ e Mac OS 10.9+ e viene sincronizzata con WhatsApp presente sul dispositivo mobile. Dato che l’applicazione funziona in modo nativo sul computer, è possibile ricevere le notifiche native del computer, usare gli shortcut della tastiera, e altro ancora.

L’unica novità apprezzabile è probabilmente il vantaggio della visualizzazione delle notifiche. Per il resto è pressoché identica alla web app lanciata l’anno scorso

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 maggio 2016 in news

 

Tag: , , , , , , , , ,

Windows 10 su 300 milioni di device (Microsoft, ti piace vincere facile eh?)

CatturaWin10

Grande soddisfazione per Microsoft aver raggiunto, con Windows 10, il considerevole traguardo dei 300 milioni di dispositivi che ne fanno uso… Grazie tante, ci sarei arrivato anch’io con l’aggiornamento che fa tutto da solo, talvolta senza chiedere nulla all’utente!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 6 maggio 2016 in news, News da Internet

 

Tag: , , ,

Il paradosso dei Radiohead

image

Che i Radiohead siano spariti dal web (piallando ogni traccia social alla faccia dei followers) per raggiungere la più ampia visibilità possibile in vista del lancio del prossimo album?😉

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 2 maggio 2016 in business, comunicazione, Internet, media

 

Tag: , , , , , ,

Pronti all’Italian Internet Day, ricordando che 30 anni fa eravamo molto più avanti di oggi

lg_ItalianInternetDay[1]

“Banda ultrarlarga, competenze digitali, servizi digitali per tutti: è ora di accelerare. Come fecero 30 anni fa”

Che è ora di accelerare è vero, verissimo. Sono le parole che concludono la presentazione di ItalianInternetDay, un evento che avrà luogo il 29 aprile per ricordare coloro che, il 30 aprile 1986, hanno portato l’Italia alla prima connessione a Internet. L’evento sarà diffuso e collettivo, il sito invita tutti a prendervi parte:

Tutti possono celebrare i primi 30 anni di Internet in Italia. Tutti possono promuovere o organizzare un evento su Internet quel giorno. Tutti possono farlo e non ci sono limiti. Possono farlo le scuole, le imprese, le associazioni, i privati cittadini. Per farlo basta registrarsi su events.italianinternetday.it e  inserire tutti i dati relativi all’evento che, quando approvato, apparirà sulla nostra mappa.

Mi soffermo sull’invito rivolto ad ogni scuola (che gode del supporto del Ministero dell’Istruzione) a partecipare con un proprio evento. Leggo che “per agevolarne l’ideazione”, viene fornito un apposito “kit” con “alcune indicazioni, proposte e spunti utili”.

In Italia siamo eventi, non siamo avanti. Abbiamo una situazione talmente eterogenea da trovare località dotate di connessioni superveloci in fibra e, a pochi km, situazioni senza connessione a banda larga nemmeno su rame. Le scuole di queste zone forse saranno felici e contente di festeggiare un evento legato a Internet, ma per loro “Internet” sarà proprio un evento, perché non è ancora uno strumento che aiuta la loro realtà quotidiana. In Italia riusciamo ad essere talmente arretrati anche in questo ambito perché manca una cultura digitale, causata dalla mancanza di vere iniziative di alfabetizzazione, che non devono essere eventi, ma programmi ben organizzati e strutturati. Per quanto mi riguarda, l’evoluzione digitale e i progressi delle comunicazioni che hanno portato all’espansione di Internet dovrebbero essere un argomento di studio per far parte realmente della cultura di tutti. E non un evento visto da tutti ma sentito da pochi.

Intendiamoci: ogni iniziativa in questa direzione è assolutamente positiva. Ma non deve ridursi ad uno o qualche evento. Deve essere un punto di (ri)partenza di un percorso per tutti.

La cura dei dettagli dice molto:

  • Nel logo dell’iniziativa si vede un trend che si appiattisce dopo un importante impennata iniziale. E’ lo specchio della nostra situazione: stallo, calma piatta. Da anni.
  • All’inizio del mio post c’è proprio scritto “Banda ultrarlarga”, è vero, c’è una erre di troppo. Ho solo riportato quanto ho trovato lì (cliccate per ingrandire). Cattura
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 aprile 2016 in news

 

Tag: , , , ,

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 287 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: