RSS

Archivi tag: terra piatta

Il mondo è bello perché è Pac-Man ed è circondato da montagne di ghiaccio

Ok, un tempo pensavo che gli esponenti del Movimento Flat Earth, i terrapiattisti insomma, fossero convinti delle loro affermazioni, poi mi sono reso conto che non era possibile. Nel 2018, con tutte le possibilità che l’uomo ha di accedere a informazioni riscontrabili, non si può credere davvero che:

  1. i poteri occulti, i poteri forti, gli illuminati non vogliono che venga divulgata la verità
  2. i dinosauri non sono mai esistiti: le grandi ossa rinvenute, attribuite a dinosauri estinti, sono appartenute a giganti; un esempio che ne dimostrerebbe la loro esistenza è l’altezza delle porte della Basilica di san Pietro e del Duomo di Milano
  3. il territorio che noi chiamiamo Terra è in una sorta di cratere, siamo circondati da montagne di ghiaccio di color smeraldo alte 400 km, difese da un esercito di guardiani: in pratica il Polo Nord è al centro, mentre ciò che conosciamo come Polo Sud è tutto intorno
  4. l’Australia non esiste (ma qualcuno afferma di averla vista a occhio nudo dalla Norvegia, da una modesta altitudine)
  5. Einstein, che ha “rubato la formula”, si sbagliava
  6. viaggiare sempre in una direzione e ritornare al punto di partenza è possibile grazie all’effetto Pac-man

Quindi, se uno diffonde queste convinzioni senza crederci, lo fa per un proprio tornaconto. O forse si può credere che tutte queste cose siano vere. Basta vivere in un altro mondo, dove queste sono prove riscontrabili. Un mondo piatto, s’intende.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29 novembre 2018 in news

 

Tag: , , , ,

Il mondo è bello perché è Pac-Man (dicono)

Tempo fa pensavo che i terrapiattisti – coloro che credono che la terra sia piatta anziché sferica – ci fossero, cioè fossero convinti delle proprie teorie. In seguito mi sono reso conto che ci fanno, e la notizia diffusa in queste ore ne è un’ulteriore conferma: l’ultima interessante teoria presentata al raduno mondiale dei terrapiattisti che ha avuto luogo nelle West Midlands vorrebbe infatti spiegare quanto il nostro pianeta sia simile al mondo di Pac-Man, alle cui estremità sono presenti “porte” che permettono di uscire da una parte e rientrare dall’altra, come se lo spazio-tempo si richiudesse e, una volta arrivati ad un’estremità, si potesse ricomparire dall’altra.

L’idea è stata illustrata dal musicista Darren Nesbit, secondo il quale esistono due prove scientifiche che dimostrano la natura piatta del pianeta:

  1. basta uscire per accorgersi che il pianeta chiaramente non è in movimento;
  2. non importa dove vivi in questa presunta palla, sembra sempre che tu stia sulla sommità, mentre qualcuno dovrebbe vivere di fianco, e altri a testa in giù.

Basta uscire – sì, di senno – per accorgersene. Contro queste prove cozza appunto la possibilità di poter viaggiare sempre in una direzione e ritornare al punto di partenza. E qui casca l’asino (casca anche se per i terrapiattisti la forza di gravità non esiste), o meglio si impenna Nesbit che illustra la sua teoria Pac-Maniaca che vede un pianeta dotato di porte che permettono di uscire da un’estremità e rientrare dalla parte opposta.

Queste idee non sono certo meno discutibili della teoria che vede la Terra sorretta da quattro pilastri (che poggiano… su cosa?), o di quella secondo la quale «il mondo è formato da quattro anelli concentrici, ognuno con il suo Sole e la sua Luna», alla faccia dei principi basilari dell’esistenza di fusi orari e servizi satellitari (giusto per citare due banali argomenti sfericoterrestri alle cui logiche anche un terrapiattista si deve piegare).

 
1 Commento

Pubblicato da su 3 maggio 2018 in news

 

Tag: , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: