RSS

Arriva GoodWill, il ransomware “etico” (forse)

26 Mag

I ransomware non sono tutti uguali: oltre a quelli che “rapiscono” i file presenti sui computer per poi “liberarli” solo dietro pagamento di un riscatto, ora scopriamo che ci sono anche quelli “etici”, che non chiedono denaro, ma… buone azioni. Come GoodWill, una nuova forma di minaccia informatica recentemente scoperta. Minacciosa solo all’apparenza? No, minacciosa come le altre.

La dinamica iniziale è quella tipica dei ransomware: quando il computer viene colpito, i file memorizzati vengono “blindati”. Per ottenere la chiave, però, non si deve cedere ad un’estorsione: più o meno come nel film Pay it forward (Un sogno per domani), l’utente si vede presentare l’invito ad eseguire tre buone azioni. Il motivo è nel messaggio che compare all’utente:

Il team di GoodWill non ha fame di denaro e ricchezza, ma di gentilezza. Vogliamo fare in modo che ogni persona sul pianeta sia gentile e vogliamo dare a tutti una forte lezione, per aiutare sempre i poveri e i bisognosi. Quindi, sarà necessario che tutte le nostre vittime siano gentili, per riavere i file (…)

E quindi quali sono le richieste? Donare abiti e coperte a chi vive e dorme per strada, donare una cena a cinque ragazzini bisognosi (di età inferiore ai 13 anni), e infine recarsi in un ospedale, andando dalle persone che si trovano in fila per una prestazione, e donare denaro a chi non si può permettere di pagarla. In ognuno di questi tre casi, la buona azione deve essere documentata con foto, video o registrazioni audio che possano testimoniarne l’esito, che dovranno poi essere pubblicate sui social network. Il link al post così pubblicato dovrà poi essere inviato agli autori di GoodWill che, accertata l’esecuzione delle buone azioni, permetteranno all’utente il download alla chiave utile a decifrare i file bloccati.

L’intento sembra originale e apparentemente non estorsivo, ma parliamoci chiaro: vedere i propri file bloccati da un ransomware, che chieda denaro o buone azioni, è comunque una rogna, evitabile con un buon backup periodico dei propri dati che oggi potrà mettere al riparo i vostri dati da ransomware sia tradizionali che “moralizzatori”, e domani vi proteggerà da altre minacce che potrebbero rivelarsi ben più inquietanti: a questa stregua, chi può escludere che un giorno un ransomware, per la liberazione dei file crittografati, chieda di eseguire cattive azioni?

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 26 Maggio 2022 in news

 

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: