RSS

Archivi tag: credenziali

Parola d’ordine? Password!

Non abbiamo imparato niente: nonostante negli ultimi tempi si siano verificati numerosi casi di attacchi hacker, ransomware e violazioni di database con credenziali e dati riservati di utenti, siamo ancora così pigri da usare sempre le password più facili, intuibili e indovinabili. Le più stupide, quindi, come si può vedere nella classifica compilata da NordPass, che qui possiamo vedere in tutto il suo splendore…

Tutte abbastanza intuibili, in funzione del contesto in cui si lavora (per quanti se lo fossero chiesto, senha significa “password” in portoghese). I motivi per cui la password stupida regna sovrana sono sempre gli stessi: il tempo e la memoria.

Il tempo, perché la gravosa attività di pensare a quale nuova password scegliere viene vista come una rottura di scatole, per cui sovente si pensa rapidamente a quale inventarsi, e magari lo si fa di corsa perché una password è scaduta e si ha fretta di accedere, ma anche per digitarla serve (poco) tempo.

La memoria, perché ovviamente poi la password bisogna ricordarsela, per cui più è semplice, più sarà semplice ricordarsela… infatti, come dico spesso: si fa prima con “0000” oppure con “Qp5%èMa9C#”?

Però c’è un’altra cosa che osservo sempre: onestamente, tra digitare una password di 4 zeri e una password complessa, pur composta da lettere, numeri e caratteri speciali, c’è una differenza di qualche secondo. E’ da considerare come un investimento di tempo, breve ma utile alla sicurezza delle informazioni che dobbiamo proteggere.

Altrimenti è troppo facile indovinare le credenziali di un utente. Poi tocca dar ragione a quei personaggi che prima scrivono boiate su Twitter e Facebook, poi si accorgono di averla fatta grossa e ritrattano, accampando una scusa evergreen come “Non l’ho scritto io, il mio profilo è stato hackerato”.

 
3 commenti

Pubblicato da su 3 dicembre 2020 in news

 

Tag: , , , , , , , ,

And the winner is… 123456! (le peggiori password del 2018)

Anche quest’anno 123456 è in vetta alla classifica delle peggiori password più utilizzate al mondo! Lo riferisce SplashData, che ha elaborato un database di credenziali (5 milioni di utenze) formato da dati resi pubblici in seguito ad attacchi di varia natura, inclusi phishing e ransomware.

La classifica viene stilata da otto anni e 123456 vince per il quinto anno consecutivo. E’ evidente come, nonostante l’aumento degli attacchi e la crescita delle vulnerabilità rilevate, la consapevolezza degli utenti rimanga sempre allo stesso livello: scarso.

Ferma restando la certezza che nel mondo digitale nulla è sicuro al 100%, è ormai risaputo che una password solida deve rispondere ad alcuni requisiti minimi di complessità che la rendano difficilmente individuabile ed è necessario considerare che, per scoprirla, oltre ad espedienti ingannevoli per carpirle direttamente agli utenti, è possibile ricorrere a programmi che la trovano tentando ogni possibile combinazione di caratteri. Questi sistemi riescono in pochissimo tempo a scovare una password “semplice”: una frazione di secondo è sufficiente per rivelare una password che deriva da un termine presente nel dizionario, altrimenti – in caso di stringhe di caratteri prive di senso compiuto – pochi secondi bastano per individuare una password di sei caratteri, una decina di minuti per una da sette caratteri.

Molti utenti si demotivano a creare password sicure per due ragioni: il tempo e la memoria. Perché il tempo? Perché scegliere una nuova password è una seccatura, quindi spesso viene ideata di fretta perché accade ad esempio di doverne inventare una nuova alla scadenza di una password vecchia, e allora si ricorre ad una soluzione rapida per accedere velocemente a computer o dati. Ma si ha fretta anche quando la si deve digitare, perché anche scrivere una password lunga viene ritenuta una seccatura. A monte di tutto questo c’è la necessità di doversela ricordare – per questo parlavo di memoria – e una password semplice e breve è ovviamente più facile da ricordare di una complessa: si fa prima con “0000” oppure con “Qp5%èMa9C#”?

Però, onestamente, tra digitare una password di 4 zeri e una password complessa, pur composta da lettere, numeri e caratteri speciali, c’è una differenza di qualche secondo. E’ da considerare come un investimento di tempo, breve ma utile alla sicurezza delle informazioni che protegge. Per capire quanto è sicura una password, propongo una piccola verifica su How secure is my password? http://howsecureismypassword.net/

Sebbene assicuri di non tenere traccia di quanto digitato, non è indispensabile scrivere esattamente la password che intendete utilizzare: è possibile provarne una simile, con lo stesso numero di caratteri e composta con lo stesso criterio.

 
Commenti disabilitati su And the winner is… 123456! (le peggiori password del 2018)

Pubblicato da su 17 dicembre 2018 in news, security

 

Tag: , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: