RSS

Archivi tag: tribunale

Effetti social-collaterali di un fatto di cronaca

In seguito ad un fatto di cronaca si possono verificare cose senza senso, eventualità che – agli occhi di una persona dotata di senno -appaiono come incomprensibili. La strage al tribunale di Milano di ieri ha avuto qualche spiacevole effetto collaterale, favorito dai social network:

  • Al TG1 (la testata giornalistica del primo canale della TV di Stato) allo scopo di corredare i propri servizi con immagini pertinenti, hanno cercato su Facebook il ritratto del “killer”. Su cosa hanno basato la ricerca? Sul suo nome. Così hanno preso l’immagine del primo profilo personale che hanno trovato e l’hanno sbattuta in onda. La foto è stata poi ripresa anche da La vita in diretta (trasmissione di Rai Uno che si autodefinisce “rotocalco giornalistico serio ed effervescente di storie e facce”). Ah, la foto trovata su Facebook era il ritratto di un omonimo agente di polizia (applausi).
  • Altre persone, invece, hanno pensato bene di creare – sempre su Facebook – alcune discutibili  (diciamo così) pagine di discussione, riscuotendo consensi peraltro notevoli:PagineFBgiardiello

Ad entrambe le categorie di persone, auguro di trovare al più presto un lavoro appagante. Così almeno riusciranno a fare qualcosa di utile e smetteranno di utilizzare i social network per fare cretinate.

 
1 Commento

Pubblicato da su 10 aprile 2015 in news

 

Tag: , , , ,

CD rotto, giustizia è sfatta

CDrotto

Un CD-ROM può diventare inutilizzabile? Assolutamente sì. Nel nostro Paese, però, può accadere che un CD-ROM contenente gli atti di un’inchiesta giudiziaria diventi illeggibile e per questo motivo i giudici, dal momento che non è possibile consultarne il contenuto, annullino un’ordinanza di custodia cautelare e rimettano in libertà gli indagati (poi tornati agli arresti per la riemessione dell’ordinanza, visti i gravi indizi di colpevolezza).

“La tecnologia non sempre aiuta e certamente l’uso del vecchio sistema cartaceo elimina questo tipo di inconvenienti”, aveva commentato uno dei difensori con una frase che farebbe rodere il fegato a chiunque conosca i concetti di copia e di backup, che dovrebbero essere prassi consueta soprattutto per chi gestisce informazioni importanti, sensibili o critiche, ma essere anche riconosciuti per legge. In questo caso non so se esista una norma che esclude l’ammissibilità degli atti contenuti in una copia del CD (che renderebbe vana ogni opportuna cautela eventualmente adottata), ma comunque da questa notizia emerge ancora una volta il digital divide culturale che regna nel nostro Paese. Perché – contrariamente a quanto osservato dall’avvocato – un uso consapevole della tecnologia, in realtà, avrebbe aiutato!

 
Commenti disabilitati su CD rotto, giustizia è sfatta

Pubblicato da su 4 aprile 2013 in News da Internet, security, tecnologia

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: