RSS

Archivi tag: terrorismo

Contro il terrorismo si possono lanciare anche spot pubblicitari

Esperimento notevole, quello della compagnia telefonica kuwaitiana Zain, che in uno spot pubblicitario destinato al Medio Oriente – realizzato con una produzione da vero e proprio video musicale – inserisce un’operazione di sensibilizzazione sul rapporto tra religione e atti terroristici.

Fra gli “attori”  compaiono persone sopravvissute ad attentati terroristici, ma nel video c’è anche un chiaro riferimento al piccolo Omran Daqneesh, estratto superstite dalle macerie di un palazzo colpito da un bombardamento ad Aleppo, in Siria. Questa “contaminazione” ha suscitato molte critiche perché il bambino non fu vittima di un attacco jihadista, tuttavia le “contaminazioni” non mancano nemmeno nell’ambito della guerra civile siriana, in cui – a fianco del Free Syrian Army (l’Esercito Siriano Libero formato dagli oppositori di Bashar al-Assad) – si sono schierati altri gruppi presuntamente fondamentalisti, come il fronte al-Nusra.

Al netto del suo carattere “pubblicitario”, iniziative come questa dovrebbero ispirare altre realtà o istituzioni ed essere prese come stimolo alla riflessione e alla discussione sul rapporto tra religione e terrorismo, oltre che sul coinvolgimento di innocenti, adulti o bambini che siano, in un contesto bellico condizionato da spinte presuntamente religiose e concretamente mosse da interessi molto più materiali. Il sogno da realizzare è vedere sempre più persone in grado di alzare la testa e prendere le distanze da quelle forme di radicalizzazione che portano ad uccidere e uccidersi in nome di una religione.

 
Commenti disabilitati su Contro il terrorismo si possono lanciare anche spot pubblicitari

Pubblicato da su 30 maggio 2017 in news

 

Tag: , , ,

Facebook Safety Check: “utilità sociale” che supera le istituzioni

FacebookBruxellesSafetyCheck

 

Stamattina Facebook si è premurato di comunicarmi che alcuni tra i miei contatti, localizzati a Bruxelles, stanno bene. Lo strumento di comunicazione che origina questa possibilità è il Safety Check offerto dal social network in conseguenza di eventi analoghi agli attacchi terroristici di Bruxelles (era accaduto, tra l’altro, anche in occasione degli attentati di Parigi e di calamità naturali).

Per quanto riguarda i miei contatti, anche in questa vicenda la comunicazione di Facebook è arrivata dopo che, da quelle stesse persone, avevo già ricevuto conferma della loro incolumità (oggi, tra l’altro, pare che l’attivazione di questo servizio sia avvenuta in ritardo). Ma è vero che, in casi come quelli descritti, la telefonata o l’sms potrebbero non essere disponibili (e l’affidabilità delle reti mobili spesso potrebbe essere piú aleatoria di quella delle reti fisse), così come è vero che con pochi clic un iscritto a Facebook possa dare una comunicazione in modo rapido, con dei limiti che andrebbero superati con altre soluzioni da valutare a livello istituzionale e non privato, come è la natura di Facebook.

Il nocciolo della questione che sto ponendo è proprio in quei limiti: essendo riservato agli iscritti al social network (cosa che vale tanto per chi invia la comunicazione quanto per chi la riceve) è di fatto un servizio chiuso. Ma questo aspetto ne ridimensiona l’utilità sociale solo in parte, dal momento che il Safety Check in pratica raccoglie una delega delle istituzioni, che invitano all’utilizzo dei social network chi si può trovare in difficoltà con altri strumenti di comunicazione.
Un membro di Facebook che si trova a Bruxelles non potrebbe scrivere un aggiornamento del proprio status con un post che dice “Sono a Bruxelles e sto bene”? Certo, ma nel flusso dei vari aggiornamenti un post simile potrebbe sfuggire come molti altri, mentre una notifica diretta ai contatti, inviata consapevolmente, ha un impatto più immediato.

Pertanto è uno strumento di comunicazione tutt’altro che inutile, e questi motivi fanno passare in secondo piano l’aspetto business (pur dovendo mantenere la consapevolezza che è ben presente): certamente Facebook non agisce da missionario, ma nemmeno le compagnie telefoniche lo fanno in simili frangenti. Sono eventualmente Farnesina e Unità di crisi (doverosamente operative) a permettere di essere chiamare gratuitamente per ottenere informazioni (mediate e non immediate).

Sicuramente è una tematica da non affrontare con superficialità, ma da trattare con cognizione di causa.

 
Commenti disabilitati su Facebook Safety Check: “utilità sociale” che supera le istituzioni

Pubblicato da su 22 marzo 2016 in news

 

Tag: , , , , , ,

Internet non è la scuola del terrore

InternetAwareness

Sul Giornale di oggi c’è un articolo intitolato “Internet è la vera scuola del terrore”, che esordendo con la frase “La maggiore scuola del terrore è il web, il fiore più carnoso della grande serra della democrazia” individua nel web la patria dell’indottrinamento dei due giovani” sospettati degli attentati di Boston.

Non dimenticando che su Internet è possibile trovare contenuti di varia natura, non è superfluo osservare che titolo e incipit di quell’articolo, ancor più del testo che li approfondisce, costituiscono una miope inquadratura di un problema con radici ben più profonde e distanti dal web che, come spesso accade – anziché strumento, quale è – viene invece erroneamente indicato come agente. Titolo e incipit sono fuorvianti perché fanno apparire Internet come una sorta di colpevole primario, demonizzandolo agli occhi di un lettore poco attento che potrebbe essere indotto ad evitarlo completamente, nonostante le sue numerose possibilità di utilizzo virtuoso. 

Dall’Internet “candidata al premio Nobel per la pace” fino all’accusa di essere “la vera scuola del terrore” possiamo trovare numerose posizioni e opinioni intermedie. Ma non va dimenticato che uno strumento – quando i suoi utilizzi sono molteplici – non può avere carattere negativo o positivo, mentre può averlo il contegno di chi lo utilizza, proprio per come lo utilizza, e parlando del web è opportuno (anzi, necessario) distinguere il mezzo dai contenuti e individuare correttamente le responsabilità

 
2 commenti

Pubblicato da su 22 aprile 2013 in news

 

Tag: , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: