RSS

Elitel è in crisi

05 Lug

Update: martedì 8 gennaio 2008 ho scritto un nuovo post sulla vicenda. E’ a questo indirizzo (fine update)
———-

E’ in crisi la rete di Elitel, e ne sono bene a conoscenza tutti i suoi utenti da martedì mattina. Che sono a loro volta in crisi, perché il blackout del network li isola dal mondo: basti pensare agli utenti – magari business – che hanno un contratto VoIP + ADSL…

La causa del blackout? Secondo Elitel (che ho interpellato in seguito ad alcune segnalazioni di utenti – conoscenti, amici e familiari) si tratta di un rilevante guasto tecnico, di cui non è ancora possibile stimare i tempi di ripristino.

Ma, in altri ambiti, c’è chi parla di riflessi derivanti da una crisi finanziaria che va avanti da tempo. In effetti sembra tutto un precipitare di eventi: il down della rete arriva pochi giorni dopo la sospensione del titolo Elitel Telecom alla borsa di Londra. La società è infatti in difficoltà nel realizzare il suo progetto di ristrutturazione del debito contratto con vari fornitori, tra cui spicca Telecom Italia. E Forbes segnala che la sospensione del titolo azionario è motivata dalla mancata presentazione del bilancio certificato per l’esercizio 2006:

LONDON (Thomson Financial) – Elitel Telecom SpA said it cannot publish its full-year results by the deadline as talks with its creditors have not yet been concluded, resulting in the company shares being suspended from trading on AIM.

The Italian telecommunications group cannot finalise its results for the year to Dec 31 and thus cannot publish them by the June 30 deadline, as talks with its creditors to achieve a major restructuring of its debt have not yet been concluded.

Elitel added it expects that an agreement will be reached with creditors ‘shortly’, and the company will consequently publish their annual accounts and restore the dealing facility in due course.

Giusto un’ora fa ho ricevuto la mail di un utente, Achille, che nella sua posizione di ex dipendente Elitel (ora reseller) da’ la sua versione dei fatti (lo cito con il suo permesso):

Su Elitel, come società, grava un pesante indebitamento nei confronti di Telecom Italia, che sta passando al contrattacco con le sue armi commerciali: politiche di win-back (chiama i clienti Elitel e offre loro condizioni vantaggiose per riaccaparrarseli) e azioni a livello wholesale. Non è difficile pensare che le difficoltà “tecniche” degli utenti Elitel siano dovute a questi problemi.

La situazione sembra molto pesante a tutti i livelli: un altro lettore mi segnala tre video (primo, secondo e terzo) pubblicati qualche settimana fa su YouTube, che mostrano momenti di una manifestazione dei dipendenti dell’azienda. E nel forum di Punto Informatico legato alla notizia del down della rete Elitel, le voci che circolano sono assai poco confortanti.

Quattro mesi fa il controllo dell’azienda è passato dal fondo Kiwi II di Elserino Piol a quello di Vive La Vie e Telvia, sotto la guida di Giorgio Fatarella, che sembrava dover portare l’azienda sulla strada della serenità finanziaria. Serenità che non è arrivata, stando agli ultimi sviluppi. Ma se un’azienda che è stata rilevata quattro mesi fa adesso vive una situazione insostenibile c’è qualcosa di poco chiaro, finanziariamente, nell’operazione.

C’è da augurarsi che la situazione si risolva, per gli utenti ma anche per l’azienda (e i suoi dipendenti): guasto tecnico o crisi finanziaria, la situazione attuale ora ha come conseguenza la perdita di fiducia da parte di molti clienti.

Riflessione: sembra che in Italia, da parte dei media, ci sia un disinteresse generalizzato sulle condizioni di Elitel (Forbes ne parla perché l’azienda è quotata al London Stock Exhange), praticamente ne parla solo Alessandro Longo (scusa Alex, me ne sono accorto poco fa). E Stefano Quintarelli commenta:

Non ho alcuna informazione diretta, certo e’ che se prima poteva esserci una tolleranza da parte di TI, dopo le indagini per bancarotta fraudolenta che coinvolgono 4 dirigenti Telecom, di cui 3 della divisione wholesale, mi aspettavo che la manica si sarebbe stretta e mi chiedevo chi potrebbe essere stata la prima vittima.

Considerando che, a parte qualche caso che si conta sulle dita di una mano, gli operatori di TLC di rete fissa in Italia stanno tutti alla canna del gas o li’ vicino, un poblemino di sostenibilita’ della concorrenza probabilmente c’e’…

La crisi di Elitel è una delle conseguenze della crisi delle TLC italiane, che necessitano di operare in un regime di vera concorrenza e con una vera regolamentazione. Altrimenti la situazione degenererà molto rapidamente e ci saranno altre Elitel.

UPDATE di Sabato 7 luglio: Alex, che negli ultimi due giorni si è dato da fare non poco, è riuscito ad avere dettagli e conferme sulla situazione da parte della stessa Elitel. Ma molte cose devono ancora essere chiarite.

 
57 commenti

Pubblicato da su 5 luglio 2007 in news

 

Tag: , ,

57 risposte a “Elitel è in crisi

  1. alfredo

    6 luglio 2007 at 23:50

    l’ingresso di fatarella nell’azienda elitel e’ alquanto sospetto: subentra ad una proprieta’ che ha lasciato molti milioni di euro di debiti per che cosa? per risanarla?
    al punto in cui si trovava elitel era impossibile da risanare gia’ quando e’ entrata vive la vie.
    l’operazione finanziaria nasconde senz’altro qualcosa: l’intento di piol e fatarella di certo era far affondare la baracca gia’ malconcia. forse erano convinti di tirare avanti ancora qualche mese…….

     
  2. Max

    7 luglio 2007 at 09:02

    Le voci di cui parlavate sono purtroppo confermate. Ma ci sono ancora troppe ombre e sulle dichiarazioni attribuite al sig. Fatarella non so quanto ci si possa fidare.

     
  3. Giovanni Garofalo

    9 luglio 2007 at 01:46

    Riattacchiamo la baracca e si fanno i conti della serva con i Clienti in produzione? La Garanzia della continuità del servizio deve essere sovrana, a prescindere dal tipo di Cliente interconnesso. Telecom deve recuperare 106milioni di euro? Lo verbalizzano, fanno fare la fotografia della situazione alla GdF e bloccano eventuali fughe di fatturato verso altre “entità” del gruppo dei nuovi furbetti del quartierino. Se io fossi Fatarella farei modificare i programmi del provisioning per migrare le ADSL verso una delle società del gruppo. In Italia, del resto, vince chi sa gestire le spese. E un buco da 106milioni è un bel risparmio fiscale. Resta inteso che la GdF la dobbiamo chiamare noi. A disposizione per qualsiasi chiarimento in merito 😀

     
  4. luca

    9 luglio 2007 at 10:19

    Se siete nel nord-est e avete bisogno di tornare a telecom
    mandatemi una mail a:

    luca.ardizzon@dolomitiservice.it

    Vi darò tutte le istruzioni e gestirò via fax il rientro

     
  5. Paolo Carlo

    9 luglio 2007 at 10:53

    La soluzione non è così immediata, in Italia l’infrastruttura è tutta Telecom, a parte forse Fastweb. Quindi il monopolio esiste ancora sotto mentite spoglie. Tutti gli altri gestori sono solo degli affittuari e rimangono impotenti in balia dei capricci Telecom. Da un certo periodo a questa parte, le centrali telecom sono sature, hanno buttato fumo negli occhi agli utenti ” aumentando ” la banda… che poi non c’è proprio per la saturazione. E Telecom ( fallimentare a sua volta ) non ha nessuna intenzione di investire per una società che sappiamo, è posta in vendita da tempo. Stanno tutti ad aspettare il wimax, che è il business del futuro, nel frattempo… si paga per avere un servizio molto al di sotto delle esigenze, pieno di buchi e di malfunzionamenti… ( le mie 2 dsl perdono fino al 12% di pacchetti da 8 mesi senza possibilità di rimedio ) Non si cablano più certi paesi.. e così via ! Ma come si può permettere ad una società ” privata ” di mantenere sotto ricatto un paese intero ??? Che umiliazione dover dire alle sedi in giro per il mondo che un giorno si ed uno anche la rete italia è…. inadeguata ! E adesso che 4 Voip+ 6 numerazioni Elitel + 2 Voip/Adsl remote sono ferme ??? Cambiare gestore ? E a cosa serve se tutti vanno su quello stesso filo Telecom obsoleto ?

     
  6. carlo costantini scala

    9 luglio 2007 at 11:46

    Sono un azienda cliente Elitel con i telefoni bloccati, riesco a telefonare grazie al 1033 (telecom che so per certo che mi costa il 40% in più); cosa mi consigliate di fare? aspettare che elitel riprenda il servizio o appogiarmi a qualche altra azienda?

     
  7. Giovanni Garofalo

    9 luglio 2007 at 11:51

    Carissimo Paolo, hai centrato il problema:”..filo Telecom obsoleto.” WiMax e Nuove Tecnologie a parte, gradirei concentrarmi sulla soluzione immediata del problema, soluzione tecnica. Vorrei intanto ringraziare Luca Ardizzon della Dolomiti Service S.r.l, ma siamo competitors, quindi evitiamo di rubarci il pane di bocca e fare inutile speculazione. Riordiniamo tutti insieme i ns rispettivi Clienti e procediamo in modo RAPIDO a riattivarli senza perdere altro tempo. Intanto Elitel non ha ancora trasmesso alcuna comunicazione ufficiale. La situazione per loro si aggrava parecchio. Telecom farebbe molta più bella figura se riattivasse le raccolte ADSL e, come suggerisce Ardizzon, potrebbe offrire definitivamente una valida opportunità. Ma a che prezzo? Non approfittatene, perchè la gente non è stupida! 😀

     
  8. Giovanni Garofalo

    9 luglio 2007 at 12:01

    Io resto in attesa di una soluzione IMMEDIATA da parte di Telecom che farebbe molto successo se riattivasse senza ulteriori problemi le proprie raccolte e mandasse direttamente le fatture del servizio ai “nuovi” Clienti, evitando così inutili speculazioni. In ogni caso, vorrei ringraziare il Sig. Luca Ardizzon della Solomiti Service S.r.l. per il pronto interessamento, ma su questo blog rispondono anche altri Competitors che non si fanno certo pubblicità. Quindi consiglierei al Sig. Carlo di pazientare per quanto possibile usando il 1033, perchè il danno risulta essere maggiore del 40% in più che ha segnalato pagare. Se proprio non può resistere, dovrà procedere in parallelo all’attivazione di una nuova ADSL e magari, già che c’è, ad un backup ISDN con il quale riuscirebbe ad utilizzare la rete Internet ad una velocità tutto sommato discreta. Cmq resto dell’idea che il doppino telefonico in rame è ancora la migliore soluzione tecnico/economica. Per le telefonate, c’è sempre Skype. Saluti 😀

     
  9. Andrea Frisiero

    9 luglio 2007 at 12:14

    Per soluzioni dati Telecom Italia dedicate alle aziende (soluzioni Alice Business) potete contattarmi via mail all’indirizzo: andrea.frisiero@e-sys.it

    Potrete riceverete via mail le brochure dei servizi a Banda Larga disponibili nella Vostra zona ed in caso di richiesta di passaggio ad un servizio internet di Telecom Italia (xDSL) la gestione dell’adesione al servizio richiesto.

    Andrea Frisiero
    e-system srl
    Business Partner Telecom Italia e TIM

     
  10. Giovanni Garofalo

    9 luglio 2007 at 12:35

    Caro Andrea Fisiero, identicamente al caro Luca Ardizzon mi dici in quanto tempo e con che garanzia riesci a riattivare un servizio ADSL su una linea impegnata da un altro operatore che non credo proprio sgancerà instantaneamente alla ricezione della rispettiva disdetta? Quant’è vero che i migliori commerciali sono i Tecnici!!! E voi due non lo sembrate affatto. IO ESIGO LA RIATTIVAZIONE e i casini se li risolvono fra Elitel e Telecom, visto che la società non può fallire per una serie di facilities politico/legali di cui ha usufruito. Siete informati o vi buttate “a pesce” solo sui Clienti spaventati ed intimoriti? Sarà mia cura contattarVi per chiarire, magari avete la bacchetta magica! Ahahahaha 😀

     
  11. cristiano allegro

    9 luglio 2007 at 21:43

    Ho un azienda di servizi e pronto intervento, pertanto il mio problema immediato non è poter telefonare ma poter ricevere segnalazioni di guasto con clientela in tutta italia.
    Come posso risolvere questo problema? è possibile cambiare gestore senza perdere i recapiti telefoni? tra l altro pubblicizzati sia sulle pagine gialle che con campagne pubblicitarie e sul sito internet?
    ringrazio anticipatamente chiunque può darmi un consiglio visto che da stasera i miei numeri telefonici se chiamati dall’esterno non danno segni di vita.

     
  12. Michele

    10 luglio 2007 at 10:27

    Gestisco un reselle di telefonia che acquista il 90% dei prodotti da Elitel (sfortunatamente). Siamo totalmente bloccatti e non sappiamo come uscircene. Molti clienti che hanno fatto la portabilità del numero con Elitel ora sono totalmente isolati e hanno dovuto attrezzarsi diversamente almeno per telefonare. E’ anche complicato il rientro in Telecom e non so più cosa fare. Abbiamo sempre pagato tutto quello che ci si chiedeva e adesso… siamo fregati! Cosa posso fare? A chi mi posso rivolgere per porre rimedio ed evitare le denunce da parte dei miei clienti?
    Grazie.

     
  13. Parrocchia Martinengo

    11 luglio 2007 at 13:31

    DA L’ECO DI BERGAMO DI OGGI:

    Gestore non paga, telefoni muti
    Elitel deve a Telecom 95 milioni: servizio bloccato per un migliaio di utenti
    La società crolla e il cliente-consumatore non viene tutelato: deve arrangiarsi e accettare di restare senza il servizio telefonico che aveva scelto per un periodo non precisato. Si riassume così la vicenda di Elitel srl, società di Milano di telefonia fissa e Internet, che sta provocando disservizi ad almeno 250 mila utenti italiani e a più di un migliaio di bergamaschi, senza che si intravedano soluzioni.
    La causa della disattivazione del servizio di Elitel, iniziata il 3 luglio in tutta Italia e tuttora in corso, è un debito di oltre 95 milioni di euro con Telecom Italia, per alcuni servizi acquistati da Telecom all’ingrosso nel 2002 e mai pagati.
    La vicenda di quanto sta accadendo a tutti i clienti che si erano affidati a Elitel è invece riassunta in modo molto chiaro dal parroco di Martinengo don Pietro Selogni che, ignaro delle difficoltà economiche della società, le aveva affidato a dicembre il servizio di telefonia della parrocchia di Sant’Agata.
    «Dall’inizio dell’anno fino al 9 luglio – spiega don Selogni – non c’erano mai stati particolari problemi tecnici con il nuovo servizio di telefonia, che avevamo attivato come prima scelta lasciando attivo il canone Telecom e la possibilità di fare chiamate con Telecom componendo il prefisso 1033. Elitel era quindi il nostro primo gestore, senza darci problemi: anzi garantendoci per alcuni mesi un certo risparmio. Però da stamattina (ieri per chi legge, ndr) non è più possibile effettuare telefonate: la linea è muta. Riusciamo solo a ricevere».
    Salta quindi un servizio ritenuto conveniente che era stato offerto al cliente grazie alla liberalizzazione della telefonia fissa. Molti altri utenti se n’erano già accorti a partire dal 3 luglio e dai centralini della società avevano ricevuto una spiegazione improvvisata: «Guasto tecnico».
    Telecom Italia, infine, ha deciso di spiegare il tutto: «Per l’acquisto di alcuni servizi da Telecom nel 2002 – dicono dall’ufficio stampa – Elitel aveva accumulato nei nostri confronti un debito di oltre 95 milioni di euro. Dopo diverse diffide e intimazioni a saldare tale debito, rimaste inevase, ci siamo trovati costretti a disattivare i servizi di Elitel lungo le linee telefoniche. Della situazione ha anche preso atto l’Autorità garante delle Telecomunicazioni, secondo la quale abbiamo agito secondo le regole. Non avevamo altra possibilità. Stiamo però garantendo la massima tutela possibile al consumatore».
    La massima tutela possibile passa attraverso il fatto che, essendo Telecom tuttora proprietaria delle linee telefoniche sulle quali fa scorrere i servizi di altri gestori, resta aperta per gli utenti beffati la possibilità di effettuare chiamate anteponendo al numero da comporre il prefisso 1033, che dà accesso in via d’emergenza al servizio Telecom. Questo l’unico aggancio per il consumatore nei confronti del quale è comunque in corso una violazione del contratto sottoscritto con Elitel.
    La soluzione immediata per il cliente dovrebbe essere il ritorno a pieno regime ad un altro gestore. Federconsumatori Bergamo, intanto, sta contattando più clienti che negli ultimi giorni avevano segnalato «guasti tecnici» di Elitel, per verificarne ogni situazione.
    Cosa dice in proposito Elitel? Niente, visto che la società con sedi a Milano, Roma, Palmanova (Udine), Padova e Prato non risponde più al telefono: non c’è più linea e anche molti venditori che avevano lasciato il loro numero di cellulare ai nuovi clienti sembrano scomparsi.
    Il blackout è generalizzato ed Elitel non ha avvisato alcun cliente di quanto stava accadendo. A quanto pare sembra non ci siano state avvisaglie dell’improvviso blocco del servizio telefonico. Anzi, guardando solamente alle cifre, lo stato di salute di Elitel sembrava positivo. Nel primo semestre del 2006 la società, per la quale non c’è alcuna procedura di fallimento, aveva fatto registrare un fatturato di 100 milioni di euro, con un incremento del 60 per cento rispetto allo stesso periodo del 2005.

     
  14. stefano

    16 luglio 2007 at 20:45

    sono un commerciale telecom, ma prima ancora un cliente telecom e da parecchi anni avrò pagato qualche euro in piu’ ma non ho avuto tutti questi problemi.

     
  15. Stefano Polselli

    16 luglio 2007 at 21:49

    Mi chiamo Stefano è sono un “povero” utente Elitel (solo ADSL) di Roma. E come tutti sono in black-out dal 03/07/2007. Tengo a precisare che io il contratto lo avevo fatto anni fa con una piccola azienda di Roma che si chiamava Flashnet… come io mi sia ritrovato in mano a questi banditi milanesi è un fenomeno tutto italiano…
    Comunque io ho inviato regolare raccomandata AR di disdetta in data 07/07/2007… questo è lo stato della mia raccomandata oggi 16/07/2007:

    Situazione della spedizione: 130966841723
    Data impostata nella ricerca: 07/07/2007
    Consegnato allo sportello dell’agenzia di MILANO CORVETTO in data 09-LUG-2007
    Accettato dall’agenzia di ROMA 105 in data 07-LUG-2007

    come si può vedere sembra che non vadano addirittura a ritirare la posta!!!! Cosa si puo’ fare in termini legali a questo proposito???
    Concludo ringraziando quelli che hanno postato su questo thread… unico esempio di trasparenza e verità in una vicenda evidentemente oscurata di proposito da tutti i mass-media… se non era per voi stavo ancora a dare retta al nastro registrato messo da quei furfanti…

    Stefano

    P.S. Ma dopo quanto tempo possono essere citati per inadempienza contrattuale? Possibile 30 giorni? Se è così abbiamo delle leggi che vanno bene per l’età della pietra…
    P.S. E cosa si può fare per il fatto che non ricevono volutamente le lettere di disdetta? Possibile che sia legale pure quello?

     
  16. Gino

    17 luglio 2007 at 10:50

    Salve,
    Io ho risolto con una piccola ma molto seria compagnia, tale TLC.
    Sono capitato per caso su http://www.risparmiaresultelefono.it poi li ho chiamati all’800 13 28 24 (un solo handicap, il numero verde non funziona da cellulare, da cll bisogna chiamare le 0771266657)
    In poche ore ero attivo in manuale in 2 giorni circa in automatico.
    Meno male.
    Mi hanno anche attivato un numero verde di emergenza, pe rme che ne ho bisogno e stiamo studiando come ri agganciare il mio da Elitel.
    Ve lo consiglio… ero veramente nel panico

     
  17. Luca 190707

    19 luglio 2007 at 16:03

    Provate con questi numeri

    SERVIZIO CLIENTI e ASSISTENZA TECNICA FONIA: 050-387.28.01
    ASSISTENZA TECNICA INTERNET: 030-317.96.76

     
  18. OnE

    19 luglio 2007 at 21:51

    Sapevo di non essere l’unico malcapitato e mi fa piacere che almeno qualcuno parli di questa vicenda almeno su internet.

     
  19. OnE

    19 luglio 2007 at 22:19

    Se può essere utile vi posso raccontare la mia vicenda e la modalità con la quale cerco di risolverla.
    Contratto business voip+2linee telefoniche tagliate senza preavviso dal mio operatore a sua volta isolato dal suo fornitore Elitel(MI).
    Telecom ha posto sotto sequestro i “numeri telefonici telecom” e quindi o rimango con l’operatore e forse in 30gg mi abilita nuovi numeri o rientro in telecom, 60gg, per riavere i miei numeri e non avere disagi nel comunicare ad un migliaio di persone tutte le variazioni.
    Ovvio che conviene rientrare e poi riscegliere l’operatore “migliore”.
    Comunque con raccomandata si disdice l’operatore e si richiede l’immediato rientro in telecom con immediata BONIFICA della linea da qualsiasi servizio adsl(veramente liberi poi di fare ciò che vogliamo).
    Importante è contattare anche il Garante delle Telecomunicazioni. Io ho contattato la sede regionale della Lombardia(in ogni regione è presente) tramite il sito(www.agcom.it);scaricate il FORMULARIO UG e il FORMULARIO GU5,compilati e spediti ho il supporto gratuito del Garante che obbligherà,nel mio caso,Telecom ad eseguire le mie volontà in tempi brevissimi(così dice il ministero)
    Infine ho edotto pure il Garante delle Telecomunicazioni(la sede è a Napoli)circa i tempi e le modalità che immediatamente Loro devono a questo punto far rispettare a Telecom, menzionando l’abuso di potere nei confronti di un utente su un servizio fondamentale per le attività.
    Vi auguro e mi auguro un repentino e lieto fine.
    Ciao a tutti e grazie di cuore all’editore che mi permette di rendere noto una vicenda alquanto anomala.

     
  20. dario

    8 gennaio 2008 at 14:32

    Non accedo più al sito Elitel e avevo il mio dominio acuistato da Flashnet, come posso fare a recuperare la posta nelle mie caselle personali avute con il dominio?
    Ora ho fatto una nuova e-mail in gmail.com, sono nella m….

     
  21. Francesco

    8 gennaio 2008 at 19:26

    Sono disperatop:da due giorni e d’improvviso non riesco più a ricevere nè inviare posta.E’ scomparso tutto:homepage del sito Elitel,call center…e,soprattutto,la mia posta. Mi viene suggerito di adire la strada dell’Associazione Consumatori,essendo improbabile il guasto tecnico..:nell’immediato apro una nuova casella di posta.Che disastro!

     
  22. aurelio frison

    8 gennaio 2008 at 21:08

    Sono un cliente Adriacom, Soc. di T.C. della Regione FVG, nata con l’obiettivo di fornire un servizio di eccellenza ai residenti del FVG tecnologicamente all’avanguardia a prezzi competitivi; da privato ho aderito dapprima con l’acquisto di una card e poi, visti i buoni risultati, attraverso la banca con l’apertura di una linea di credito, x un servizio di telefonia fissa+una casella mail gratuita;con la sospensione di luglio sono rimasto creditore di Elitel x 54,19/€. ad oggi senza nessuna possibilità di ricupero ma con la facoltà, peraltro esercitata, di continuare ad usare la casella mail. Ho provato ad usare lo scritto mail x lamentare il credito in essere, senza lacuna risposta. Le scrivo perchè da ieri non ricevo più mail, il sito Elitel non è più accessibile e ripetendomi, vanto sempre un credito di 54,19/€. Cosa sta esattamente succedendo? Quante possibilità ho di ricuperare il mio credito? Tecnicamente come posso fare x continuare ad usare la mia casella postale nota ai più/alle persone/alle aziende con cui normalmente interloquisco?
    Grazie x lo spazio concessomi e complimenti x l’iniziativa.
    Con cordialità buon anno.
    p.s.: la mia casella di posta su Elitel è:afrison@adriacom.it

     
  23. db

    8 gennaio 2008 at 22:11

    Le (pochissime) ultime novità sull’interruzione dei servizi Internet di Elitel sono in questo post di oggi, 8 gennaio 2008:
    https://bonacina.wordpress.com/2008/01/08/elitel-un-nuovo-blackout/

     
  24. Marco

    9 gennaio 2008 at 10:30

    Dipendenti, fornitori ed ex hanno dato vita ad una serie di blog nei quali commentano le proprie disavventure con elitel. Di seguito alcuni indirizzi:
    http://tutticontrouno.blogspot.com
    http://www.freewebs.com/mimmone
    http://elitelmilano.spazioblog.it

     
  25. Massimo Cuzzolaro

    9 gennaio 2008 at 15:54

    Da ieri non ricevo più email e il sito elitel non è più accessibile

     
  26. Pier Federico

    9 gennaio 2008 at 23:03

    Anche io sono uno dei tanti che aveva la posta con Elitel (@postino.it)… va bene che era gratuita, ma dato che avevo lo stesso indirizzo da oltre 5 anni e lo usavo anche per lavoro, praticamente è un disastro! Ma tanto siamo in Italia, lo stato e i suoi vari governi (con le iniziali volutamente minuscole) permettono che succeda tutto e di più, con l’immobilismo che caratterizza tutte le fazioni politiche italiote… L’immobilismo che si riflette sul sedere dei politici tenacemente incollato alla poltrona!

     
  27. andrea

    10 gennaio 2008 at 14:46

    attenzione! da 2 minuti il mio programma di outlook ha ricominciato a scaricare la posta dal server flashnet! molto lentamente,qualche byte al minuto..ma non mi dà più l’errore..speriamo bene

     
  28. giorgio

    10 gennaio 2008 at 17:06

    Anche a me arrivano i messaggi da pochi minuti.Comunque nel frattempo ho avvisato tutti i miei interlocutori che sono passato a libero

     
  29. fausto

    11 gennaio 2008 at 12:41

    oggi, dopo alcuni giorni di black-out ricevo la posta
    su flashnet, ma con sorpresa me ne ho scaricata solo UNA!!
    e le altre decine e decine?? io ci lavoro, come tanti, pensate i danni!

    addirittura da metà dicembre e tuttora io posso leggere la posta flashnet solo da casa mia!!

    a prescindere se il web elitel vada o non vada….

    disdico contratto attivo da oltre 10anni e intraprendo azione legale

     
  30. Giusy

    14 gennaio 2008 at 08:49

    Da luglio 2007 siamo rimasti completamente isolati, senza nessun preavviso, ho provveduto a cambiare gestore. All’mprovviso, in dicembre, mi arriva una bolletta Elitel che mi comunica che hanno ripristinato le linee addebitandomi il consumo,senza comunicazione, non è mia intenzione pagare. Sto tentando invano di mettermi in contatto con il servizio clienti ma non riesco,continuamente operatore impegnato. come posso fare x le fatture ricevute?

     
  31. oscar zucca

    14 gennaio 2008 at 12:55

    sono un vecchio utente Elitel e da agosto, previo pagamento del nuovo allacciamento, mi sono ritrasferito a Telecom disdettando, con due raccomandate di cui ho ricevuto il ritorno, il contratto Elitel.
    nonostante ciò continuano ad arrivarmi le fatture per un servizio che non ricevo, tra l’altro una l’ho anche pagata in quanto non avevo revocato il pagamento automatico.
    vorrei sapere se qualche avvocato è disponibile per un’azione collettiva di richiesta danni e se ciò è possibile (sempre se Elitel non è fallita)
    se qualcuno è disponibile io sono sempre pronto

     
  32. Sally

    14 gennaio 2008 at 13:00

    Ultime notizie su Elitel (articolo di Dario Bonacina per Punto Informatico, 14 gennaio 2008) e l’organizzazione di una class action:
    http://www.pitelefonia.it/p.aspx?i=2158481

     
  33. Sergio

    16 gennaio 2008 at 12:04

    Ero un abbonato Elitel all’inizio di luglio 2007 il servizio si è interrotto e successivamente il 12/07/2007 inviavo fax di disdetta e poi raccomandata.Mi sono arrivate le ricevute della raccomandata e contininuano ad arrivare puntualmente le fatture ogni mese.Tengo a precisare che non le pago già da agosto.
    Ho cercato di mettermi in contatto con Elitel ma a dicembre mi assicuravano che le fatture vengono inviate automaticamente e di non preoccuparmi.Ma io mi chiedo fino a quando arriveranno! Da luglio sono con la BT Telecom Tutto ok .
    Saluti Sergio

     
  34. Mario Verdesi

    17 gennaio 2008 at 17:05

    Inviare problematiche o telefonare 3335910150 per chiedere le migliori tariffe a tutte esigenze da 1 a 30 linee ADSL no stop compreso mi trovo bene e conviene un amico.

     
  35. Vincenzo

    29 gennaio 2008 at 15:02

    Mia madre aveva un contratto elitel a luglio il buio completo…..disperata (77anni) mi contatta e mi spiega …..ho contattato per giorni i numeri elitel ma buio completo.ho contattato all’ora infostrada che nel giro di 1ora con codice era possibile chiamare……è stato passato contratto il 3settembre2007 senza dover passare da telecom,ad ottobre arrivano le fatture elitel giugno/luglio/agosto/settembre ed ancora all’oggi nonostante la disdetta…….cosa devo fare???qualcuno mi può dare un consiglio???Sto facendo raccomandata contestando le fatture(consiglio serv. clienti ELITEL)basterà??alla buon ora qualcuno risponde!!!mesi per avere un serv. telefonico clienti……Siamo collegati attr. centrale telecom a 150mt. sarà un caso ogni 10/15gg segnalo un guasto sulla linea adsl a infostrada,e loro ripetono che da test la mia linea si sposta sempre su clienti non loro!!!COME è POSSIBILE?? attendo Vs. consigli…..GRAZIE

     
  36. Emiliano Marinelli

    5 febbraio 2008 at 19:01

    Anche io, come la maggio parte di chi vi scrive, ho avuto il dispiacere di scegliere Elitel come operatore di telefonia fissa. A luglio 2007 il ben conosciuto blackout con conseguente ritorno alla vecchia Telecom. Non ho mandato fax di disdetta in quanto assicuratomi dagli operatori del 191 che tutto sarebbe avvenuto in maniera automatica tra i due gestori. Tutto bene fino a ieri 4/feb al momentoin cui mi accorgo che Elitel mi ha prelevato dal conto € 227,63 senza una fattura ne una comunicazione di alcun tipo. Da luglio 2007 non ho comunque più ricevuto nessuna fattura da Elitel, ne richieste di insoluti (inesistenti) ne altra comunicazione. Colpa mia che mi sono dimenticato di disdire l’addebito rid in banca ma penso che certe cose capitino solo in Italia. LADRI!!! Cmq domani vado alla polizia postale per una bella denuncia di truffa. Certo, chi accumula debiti per 106 ml di euro con Telecom non si spaventerà certo di fronte alla mia pretesa di risarcimento ma spero altri facciano come me.

     
  37. Massimo

    5 febbraio 2008 at 22:54

    Da molti anni soddisfatto utente Adriacom e poi Elitel mi sono trovato come tutti ai primi di luglio isolato. Dopo 4 giorni di telefonate con risposte “stiamo lavorando sui server” e così via, ho bloccato il pagamento in banca e contemporaneamente ho inviato una raccomandata chiedendo spiegazioni scritte sul disservizio, sulle cause, sui tempi di ripristino e sull’indennizzo per il disagio causatomi. Non avendo ricevuto risposta entro 30 giorni, ho disdetto unilateralmente il contratto (come previsto dalle clausole) e mi sono rivolto ad altro operatore. Il disagio è stato dato dal fatto che ho dovuto cambiare numero di telefono. Riguardo alle fatture che ancora ricevo (con bollettino postale accluso) le immetto nell’apposito cntenitore giallo della carta da riciclare sotto casa mia. Quando arriverà (SE arriverà) una raccomandata penserò più seriamente a che avvocato rivolgermi.
    La casella di posta Adriacom che avevo ha funzionato sino a metà dicembre, poi non sono più riuscito a entrarvii, non so se disattivata per mancato pagamento delle fatture o per qualche problema sui server, ma dopo le vicissitudini di Elitel avevo già provveduto a incanalare la posta su un altro indirizzo.
    Tutto sommato posso dire di essere stato accorto e fortunato, limitando i disagi

     
  38. Bruno

    7 febbraio 2008 at 18:17

    Giusto per informare i “superstiti” da ieri sera i server di posta non rispondono almeno per quanto riguarda il dominio flashnet. Già da qualche giorno la richiesta di connessione veniva reiterata ed ora eccoci…….

     
  39. pnp fabio

    7 febbraio 2008 at 18:58

    …..ri eccoci dalle ore 18.00 del 7-2-08 non mi funziona più la mail in entrata, quella in uscita si,
    ne sapete qualcosa? Ho la possibilità ,quando riattiveranno il servizio se accadrà, di dirottare tutte le mail mandate al mio indirizzo su un altro indirizzo? come succede con le deviazioni di chiamata?? è fantascenza?
    grazie mille a chi vorra rispondere
    Fabio

     
  40. Riky

    10 febbraio 2008 at 10:50

    Stanmattina ha ripreso a scaricare dalla mail @adriacom.it, ma sorpresa: ho scaricato circa 90 E-mail datate OTTOBRE 2006 (bhe .. son veloci nel consegnarle). Meno male che si trattava del 99,99% di spam. Ciao

     
  41. pnp fabio

    10 febbraio 2008 at 21:42

    ciao a tutti , anche a me stessa cosa: mi sono arrivate mail vecchissime di auguri per la nascita di mio figlio… ora ha 1 anno…., in compenso nessuna mail nuova me ne sono inviata una di prova da un altro account ma niente… sono disperato la uso per lavoro……

     
  42. GIOVANNI PICCINI

    11 febbraio 2008 at 13:27

    scusate ma allora siete duri a comprendere ,ribadisco che dal 10 luglio 2007, e cioe’ da quando mi avete lasciato in braghe di tela senza nessuna comunicazione senza farsi senti ne trovare ai vari indirizzi che avevo trovato su internet ,che ho la preselezione con altro gestore e non piu’ con voi.quindi e0′ inutile che vi inventiate delle false bollette telefoniche io non le pago perche’ io non ho piu’ nessun rapporto con voi.
    spero che sia l’ultima volte che devo perdere tempo con voi.

     
  43. JonhQ

    11 febbraio 2008 at 13:58

    Giovanni, scrivi queste cose ad Elitel, invece di lamentarti sul blog di un giornalista…
    Io comunque mi trovo nelle stesse condizioni di tanti lettori. Vorrei solo dire che Elitel potrebbe non avere colpe, così come non ne hanno Vira, Telvia e altre aziende. Il problema e’ che Elitel non ha mai dato alcun preavviso di disservizio alla sua clientela. E questo fa capire perche’ sono giustificate almeno in parte le aspre critiche dei clienti.

     
  44. olivia

    15 febbraio 2008 at 13:58

    Utente flashnet da più di 10 anni, mi è IMPOSSIBILE avvertire i clienti della modifica degli indirizzi mail, il danno per me è incalcolabile.
    Non si può agire con denuncia per direttissima alla Questura per riattivare temporaneamente, diciamo per 15 giorni, gli indirizzi di posta in modo da dare la possibilità ai 400.000 utenti di avvertire tutti, cambiare indirizzi, dominii, etc.,etc.?
    Qualcuno sa indicarmi chi sono i referenti oltre ai Questori ?
    E oltre, ovviamente, al Gabibbo…

     
  45. maurizio

    15 febbraio 2008 at 16:40

    Ci risiamo.Da mercoledi 13 febbraio la posta elettronica in arrivo non funziona. Qualcuno è a conoscenza di chi contattare al fine di richiedere il ripristino immediato del server? Grazie.

     
  46. olivia

    18 febbraio 2008 at 12:20

    Per informazione: la mia posta in uscita funziona, in entrata no dal 13 febbraio.
    L’assistenza Elitel via mail dal sito, tace.
    Possibile che nel terzo millennio non si possa obbligare una società di servizi a riaprire per il tempo sufficiente a consentire agli utenti di ovviare al danno in altro modo ?
    Se qualcuno sapesse a chi rivolgersi, per cortesia, lo dica.
    Elitel avrà pure un avvocato, no?

     
  47. alessandra paganardi

    13 marzo 2008 at 08:18

    La mia posta, da giorni ormai, funziona in uscita ma non in entrata. La situazione è singhiozzante da mesi, ma ora sembra definitiva. Sono insegnante e mi occupo di poesia, oltre a dover gestire con questo mezzo molti contatti come genitore e rappresentante di classe: questo isolamento sta ingiustamente penalizzando la mia vita personale e professionale. Sto cercando di contattare l’asistenza tecnica. Ho la sensazione di trovarmi di fronte a un muro di gomma. Non capisco tante problematiche, ma intuisco che ci sono dietro situazioni poco chiare. Proverò in tutti i modi ad avere una risposta. Se non accadrà nulla tenterò per vie diverse, inclusa quella legale. Alessandra Paganardi.

     
  48. Osvaldo De Lorenzo

    26 marzo 2008 at 10:47

    A chi ci si rivolge per avere i tabulati delle telefonate del periodo febbraio – marzo 2006?
    La Plexia risponde che non é lei certo a poterli consegnare.
    Grazie a chiunque mi può dare tale informazione.
    Osvaldo De Lorenzo
    26 marzo 2008

     
  49. peppe

    10 settembre 2008 at 16:43

    Ma che fine hanno fatto gli indirizzo di posta adriacom?? è ormai da una settimana che non mi funziona la posta… e sulla home di webmail.postino.it/horde_postino/imp
    non funzia letteralmente nulla… chiunque sapesse qualcosa per favore me lo comunichi… non è la prima volta che accadono questi disservizi…

     
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: