RSS

Senza, forse sarebbe stato più difficile

02 Gen

Come di consueto anche all’inizio di quest’anno, per forza di cose, sono ancora poche le novità targate 2012 e in questi giorni si parla di argomenti che, come la coda di una stella cometa, hanno le loro radici nel passato, anche il più recente.

E’ sufficiente scorrere le news in Internet per farsene un’idea e lo si può fare in un attimo, perché Internet è – prima di tutto – un grande strumento di comunicazione, costituito da tantissimi altri servizi e strumenti che, in funzione del loro utilizzo, possono contribuire a fare grandi cose, o a provocare danni.

Molto spesso ci soffermiamo a commentare con enfasi la seconda possibilità, soprattutto da quando esistono i social network che, per la loro natura di “strumenti di condivisione”, possono comportare problemi legati alla privacy di ognuno, o semplicemente distrarci con fastidiose “bufale”. Dal sottofondo di questi commenti, emerge sempre la considerazione che si potrebbe fare tranquillamente a meno di tutte queste cose.

E’ vero: dei social network si può fare a meno, al mondo ci sono milioni (se non miliardi) di persone che vivono serenamente senza nemmeno sapere che esistono Facebook, Twitter, LinkedIn, Badoo, Netlog, Google+ e via discorrendo, e va bene così. E’ anche vero che si tratta di servizi che, seppur basati su un utilizzo gratuito, sono nati per creare profitto, basato su un’attività pubblicitaria sempre mirata e non raramente subdola, di cui gli utenti devono essere assolutamente consapevoli.

Poi vieni a sapere di notizie come questa (o quest’altra che però è di due anni fa, o altre ancora dello stesso tenore) e pensi “be’, dopotutto con questi social network si riesce a fare anche qualcosa di buono”:

At her hospital bed at the University of Washington Medical Center, Allie Carr, 26, is recovering from surgery.  “I feel pretty good considering I just had a vital organ taken out of me,” she joked.

Carr donated her kidney to a man she met just five months ago on Facebook.

The man’s name was Dan Garrett – and the page read simply, “My husband needs a new kidney.”

Ricevere in donazione un rene da uno sconosciuto, grazie ad una richiesta pubblicata in uno di quei social network di cui tutti possono fare a meno, non è una cosa da tutti i giorni.

Buon 2012!

 
Commenti disabilitati su Senza, forse sarebbe stato più difficile

Pubblicato da su 2 gennaio 2012 in news, News da Internet

 

Tag: , , ,

I commenti sono chiusi.

 
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: