RSS

Google dixit

09 Ott

Ora che Eric Schmidt – presidente del consiglio di amministrazione di Google – ha detto «Google investirà in Italia per sostenere le eccellenze del Paese, ma il Governo dovrà garantire la banda larga veloce ovunque, nulla può accadere senza questo», mi aspetto che il digital divide che colpisce le nostre infrastrutture di telecomunicazioni sia estinto entro il prossimo Natale. Almeno, a suon di dichiarazioni provenienti da ogni direzione, sia economica che politica.

Due considerazioni su questa dichiarazione:

  1. all’Italia serve l’esortazione di Google per trovare motivazioni per promuovere la banda larga? Non ci basta la consapevolezza che una rete veloce e capillarmente disponibile offre un contributo irrinunciabile alla ripresa e alla crescita?
  2. solo io vi leggo la localizzazione italiana di un promo per l’iniziativa A4AI, che ha il nobile obiettivo dichiarato di abbattere il digital divide nel mondo?
 
2 commenti

Pubblicato da su 9 ottobre 2013 in news

 

Tag: , , ,

2 risposte a “Google dixit

  1. mario

    9 ottobre 2013 at 18:06

    Che amarezza.. Se faranno qualcosa in seguito a questo invito da parte dell’esterno ne sarò lietissimo per carità, ma sarebbe davvero ridicolo. Se Google viene ad investire in Italia e le cose vanno sempre “all’italiana” è la volta buona che il nostro bel paese sprofondi ancora più a fondo nel mare di vergogna in cui già navighiamo da tempo immemorabile 😦

     
    • db

      9 ottobre 2013 at 18:10

      Per questo credo che quella di Schmidt sia una mossa politico-diplomatica: da noi l’estensione ovunque della banda larga è “di là da venire”, per motivi ben noti a noi e a Schmidt. Che così ha un alibi per non andare oltre le parole…

       
 
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: