RSS

Scaricare fa bene?

21 Gen

In questi giorni ho letto da varie fonti e agenzie di stampa, tra cui l’ANSA, una notizia che, sulle prime, appariva molto interessante (mettendo da parte, per un attimo, la tentazione di correggere l’uso di una certa terminologia). Il problema è che il fatto, così descritto, va precisato e approfondito, e non travisato.

NON E’ REATO ‘SCARICARE’ DA INTERNET SENZA LUCRO

ROMA – Scaricare da internet film, musica o programmi tutelati dal diritto d’autore non è reato se questo non implica alcun guadagno economico. Lo spiega la Terza sezione penale della Corte di Cassazione che ha annullato la condanna a tre mesi e 10 giorni di reclusione inflitta dalla Corte d’Appello di Torino a due giovani che avevano scaricato e condiviso in rete tramite un computer di una associazione studentesca del Politecnico di Torino file musicali, film e software protetti da copyright. I due ragazzi condannati dalla corte torinese avevano sviluppato una cosiddetta “rete p2p” (peer to peer) per scambiare file con altre persone collegate a internet. Il sistema era semplice: bastava collegarsi via Ftp (File transfer protocol) ad un server istallato nel computer di un’associazione studentesca del Politecnico di Torino. Per poter ottenere le chiavi d’accesso occorreva condividere la propria ‘scorta’ di musica, film, videogiochi o software.

Tutto spesso protetto dalla legge sul diritto d’autore. Una filosofia di scambio “do ut des”, diffusissima su internet, che permetteva a tutti di scaricare file gratis dalla rete. Secondo i giudici piemontesi i due giovani autori di questo sistema di scambio file ‘au pair’ erano colpevoli di aver violato agli articoli 171 bis e 171 ter della legge sul diritto d’autore (n. 633/41) che punisce chi, “a scopo di lucro”, diffonde o duplica file e contenuti multimediali protetti da copyright. Ma l’attività dei due imputati – spiega la Suprema Corte nella sentenza n.149 depositata lo scorso 9 gennaio – non aveva alcun “fine di lucro”, e quindi non si configurava l’effettiva violazione della legge. “I giudici di merito – si legge nelle motivazioni della sentenza – hanno erroneamente attribuito all’imputato una attività di duplicazione dei programmi e di opere dell’ingegno protette dal diritto d’autore, poiché la duplicazione in effetti avveniva ad opera dei soggetti che si collegavano con il sito Ftp e da esso, in piena autonomia, prelevavano i file e nello stesso ne scaricavano altri.

Doveva essere esclusa l’esistenza del fine di lucro da parte degli imputati in potendosi ravvisare una mera attività di scambio”. Non solo, anche in relazione al sequestro, in casa di uno degli imputati, di un software per generare codici seriali per registrare illegalmente software protetti da copyright, “doveva escludersi ogni fine commerciale”. Per questo motivo i giudici di Piazza Cavour, rilevando che “le operazioni di ‘download’ sul server Ftp di materiale informatico non coincide con le ipotesi criminose fatte dai giudici torinesi”, e che per “scopo di lucro” deve intendersi “un fine di guadagno economicamente apprezzabile o di incremento patrimoniale da parte dell’autore del fatto, e che non può identificarsi con un vantaggio di altro genere”, ha annullato senza rinvio la condanna per i due ragazzi che sono stati prosciolti definitivamente.

Wow, verrebbe da dire, lo scarico libero (purché non a scopo di lucro) è lecito allora!

Eh no, le cose non stanno così. Innanzitutto il fatto che è stato esaminato dalla Cassazione non riguarda affatto una cosiddetta rete peer-to-peer, ma un server FTP. Ma, a dirla tutta, non è su questo che il can-can mediatico ha inciampato, cantando vittoria – ahime’ – troppo presto: il fatto medesimo, contestato ai due studenti, non è avvenuto ieri, ne’ l’anno scorso, ne’ due anni fa, ma nel 1999.

Cosa cambia? Semplicemente che, da allora, la normativa sul diritto d’autore ha subìto non poche modifiche di rilievo, culminate con la Legge Urbani (varata nel 2004, variata nel 2005). E quindi va considerato che l’attuale legislazione relativa al materiale protetto da diritto d’autore prevede comunque sanzioni amministrative (chiamiamole multe) per il download, e penali per la condivisione.

Insomma, la normativa in materia è cambiata, da quando sono avvenuti i fatti esaminati dalla Cassazione, e quindi oggi scaricare file protetti dal diritto d’autore è illegale. E questa non è un’opinione.

Possiamo però concludere che scaricare non è reato, dal momento che per il solo download sono previste sanzioni amministrative e non penali.

 
3 commenti

Pubblicato da su 21 gennaio 2007 in news

 

Tag:

3 risposte a “Scaricare fa bene?

  1. massimiliano

    22 gennaio 2007 at 09:34

    Grazie al dibattito sorto sulla questione, oggi ho capito che il concetto che si identifica come “reato” (fatto illecito che prevede una sanzione penale) e’ un sottoinsieme del piu’ ampio concetto di “illecito” (fatto che va contro la legge). O sbaglio? 🙂

     
  2. db

    22 gennaio 2007 at 21:01

    Non sbagli, Massimiliano.
    Speriamo che adesso il concetto possa essere chiaro a tutti 😉

     
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: