RSS

Il confine del rispetto

25 Ott

SILENZIO


Negli ultimi giorni mi sembra si sia accentuato un fenomeno che – purtroppo – già da tempo sta permeando e caratterizza i fatti di cronaca che suscitano più scalpore. Una sindrome da reality show che, da Cogne ad Avetrana, passando per Erba, Garlasco e altre località, sta affliggendo sempre più persone, in un circolo vizioso alimentato dai media.

In tutta questa fame mediatica di informazioni, spicca la scelta di Mario Calabresi, direttore de La Stampa, di non utilizzare l’audio degli interrogatori di Avetrana:

Ci siamo chiesti cosa farne e se metterli subito sul sito web, sicuri di fare un record di contatti. Ne abbiamo discusso e abbiamo deciso di buttarli, perché non aggiungevano nulla a quello che avete già letto fino a oggi, perché non servivano a chiarire nulla e perché potevano essere utili solo a solleticare le morbosità, a infilare la testa più in fondo nel pozzo.

Convidido completamente il commento che segue qualche riga più sotto:

Ci sarà un motivo se da decenni all’inizio di un processo la Corte si ritira per decidere se possono entrare i fotografi (in caso di decisione negativa negli Stati Uniti entrano in azione i disegnatori) o le telecamere in Aula. Succede perché la delicatezza di un caso o la necessità di frenare una deriva emozionale può richiedere attenzioni superiori.

 
Commenti disabilitati su Il confine del rispetto

Pubblicato da su 25 ottobre 2010 in Life, media, Mondo, news, News da Internet, privacy

 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: