RSS

Poste e disservizi, la palla passa a IBM

08 Giu

Come qualcuno avrà notato personalmente, o appreso dalla stampa, dall’inizio di giugno gli sportelli di Poste Italiane funzionano a singhiozzo per problemi tecnici.  La causa ufficiale del problema è stata data ieri da Massimo Sarmi, che a I bastioni di Orione di Daniele Lepido ha spiegato:

“Non si è trattato tanto di un problema di aggiornamento del software, come si pensava ieri o comunque non solo, quanto di un guasto al sistema operativo del mainframe, il Vtam (Virtual telecommunications access method), che gestisce tutte le 60mila postazioni della rete di Poste”

Poste Italiane, però, non intende mantenere il ruolo di capro espiatorio finora assegnatole dagli utenti:

“Il danno arrecato ai consumatori è oggettivo – dice Sarmi – e sicuramente i danni li chiederemo a Ibm anche se in queste ore stiamo veramente lavorando gomito a gomito con i loro tecnici venuti dagli Stati Uniti. Le dico solo che ho passato la notte a parlare con Erich Clementi, senior vicepresident del gruppo per i servizi tecnologici, che ha messo in campo competenze e risorse a livello internazionale. Ora la nostra urgenza è far ritornare il sistema al top nel minor tempo possibile”.

IBM è a capo del raggruppamento temporaneo di imprese (di cui fanno parte anche HP e Gepin) che ha vinto la gara europea per l’introduzione del nuovo SDP (Service delivery platform) che – come è auspicabile in ogni operazione di questo tipo e riferisce anche MF/DowJones – “avrebbe infatti dovuto accelerare i tempi di esecuzione delle operazioni, permettendo agli operatori degli sportelli di svolgere tutte le principali funzioni da ogni terminale in tempo reale”. Da un investimento di oltre 33,7 milioni di euro sarebbe più che lecito attendersi qualche miglioramento.

Nel frattempo, Poste Italiane ha pubblicato un comunicato per scusarsi del disservizio e informare che domani – Giovedì 9 giugno – incontrerà i rappresentanti di tutte le Associazioni dei consumatori. In aggiunta alle varie azioni di richieste di risarcimento danni che le associazioni stanno promuovendo, segnalo la (forse più facilmente ottenibile) richiesta di proroga di termini disponibile sul blog del rompiscatole Carlo Rienzi, presidente del Codacons, a beneficio di coloro che non fossero riusciti a rispettare una scadenza di pagamento a causa dei disservizi.

 
Commenti disabilitati su Poste e disservizi, la palla passa a IBM

Pubblicato da su 8 giugno 2011 in computer, Life, Mondo, news, News da Internet, tecnologia

 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: