RSS

Leaking News

19 Lug

Luca segnala:

Alcuni giornali italiani hanno già contattato Wikileaks per distribuire le intercettazioni nel caso che fosse introdotta la legge che ne vieta la pubblicazione. Una domanda: ma poi linkare i documenti pubblicati su Wikileaks sarebbe consentito o vietato? È una domanda che ha senso solo in un paese con poca libertà di informazione.

WikiLeaks raccoglie e pubblica materiale classificato e riservato da parte di fonti protette dall’anonimato, con l’obiettivo di fornire informazioni senza filtri, censure o pregiudizi. Il suo fondatore Julian Assange ha dichiarato: “Avremo completato la nostra missione quando ogni tecnico informatico, ogni bambino dell’asilo, ogni burocrate di un ministero saprà di poter pubblicare quello che vuole senza correre rischi”.

Missione impossibile? Dipende: in Islanda un mese fa è stata approvata all’unanimità una proposta di legge a favore della libertà di espressione e della tutela della privacy delle fonti utilizzate dai giornalisti e pare che il parlamento europeo sia orientato a favorire lo stesso principio anche nei Paesi dell’Unione Europea (di cui l’Islanda ancora non fa parte).

Se davvero la legislazione europea prendesse questa direzione, gli argini oggi predisposti dalla cosiddetta legge bavaglio potrebbero perdere le proprie fondamenta. Ma in realtà, già una volta entrata in vigore la legge islandese, si potrebbero rivelare inefficaci per un giornale o un sito informativo che riuscisse ad apriee la propria sede in Islanda (beninteso, non semplicemente con i server, ma con una redazione formalmente islandese) assoggettandosi alla legislazione di quel Paese e configurandosi come testata off-shore

 
Commenti disabilitati su Leaking News

Pubblicato da su 19 luglio 2010 in Internet, Life, media, Mondo, news, privacy

 

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: