RSS

Archivi categoria: e-book & e-reader

E-book: il buon anno (non) si vede dal listino

Contrariamente a quanto avvenuto in precedenza, in merito all’IVA sui libri elettronici  l’Italia ha proseguito la propria strada a testa bassa e, dall’inizio del 2015, ha stabilito per gli e-book il passaggio dall’aliquota del 22% al 4%, la medesima applicata ai libri stampati su carta.

tweet ebook franceschini“Bene, ottima notizia”, verrebbe da pensare. La notizia è ottima davvero, ma lo è solo – letteralmente – sulla carta. In virtù della variazione nel regime fiscale applicato, dal 2014 al 2015 sarebbe stato lecito attendersi una diminuzione dei prezzi degli e-book. Tuttavia, come evidenzia un’inchiesta pubblicata su DDay.it, le cose sono andate diversamente:

Banalmente, ci siamo premurati di “catturare” i prezzi degli ebook in un giorno di fine novembre dai principali store online e li abbiamo confrontati con quelli praticati nel 2015: tutto clamorosamente immutato, i prezzi finali sono quasi sempre gli stessi, con qualche aumento e poche limitate riduzioni.

La spiegazione è semplice: fino al 31/12/2014, un e-book che veniva venduto al prezzo finale di 10 euro, aveva evidentemente un prezzo al pubblico formato da circa 8,20 euro + IVA pari ad 1,80 euro (il 22% di 8,20). Il prezzo dello stesso e-book nel 2015 sarebbe dovuto diventare pari a 8,52 euro, non certo rimanere di 10 euro. L’indagine citata evidenzia invece, nella maggioranza delle rilevazioni, prezzi invariati o addirittura aumentati e in questo caso il surplus ingiustificato va ovviamente nelle tasche di chi vende.

Credo che il ministero dei beni culturali, promotore formale della riduzione, abbia modo di favorire un’operazione di sorveglianza sul rispetto della norma.

 
Commenti disabilitati su E-book: il buon anno (non) si vede dal listino

Pubblicato da su 5 gennaio 2015 in e-book & e-reader

 

Tag: , , , , , , , , , ,

Un e-book non è un libro (in Europa)

ebookBook[1]

Nei giorni scorsi ha preso il via sul web la campagna Un libro è un libro dell’AIE (Associazione Italiana Editori) con l’obiettivo di chiedere l’equiparazione dell’IVA sugli e-book che oggi è al 22%, mentre sui libri cartacei si applica l’aliquota del 4%.

La discriminazione dei libri digitali si riflette sullo sviluppo culturale del nostro Paese:
l’IVA di un libro di carta è il 4%, quella di un ebook è il 22%. Secondo i protagonisti della nostra Gallery l’ebook è un libro e merita lo stesso trattamento. Se anche tu la pensi così, unisciti a noi.

Al netto della preferenza che ognuno di noi può esprimere verso il fascino del libro da sfogliare con l’indice o verso l’e-book nella sua innovatività, nella percezione dell’utente l’unica differenza editoriale tra libro tradizionale ed e-book è il supporto, cartaceo (materiale) o elettronico (immateriale). Quindi, in base a questo presupposto, il principio di eliminare la discriminazione fiscale tra supporti – dal momento che la sostanza è la medesima – è legittimo che sia ampiamente condiviso, perché non avrebbe proprio senso di esistere. Esiste però un problema, per così dire, di forma: a livello formale l’e-book non è un articolo che si acquista.

Dicendo a livello formale parlo di un aspetto oggettivo e non di un concetto interpretabile. “Acquistare un e-book” significa in realtà ottenere una licenza per leggerlo. Non si acquista un libro, ma un diritto, tra l’altro anche piuttosto limitato: l’utente non ha infatti alcun diritto di proprietà sull’e-book, bensì il diritto ad utilizzarlo a vita, senza però poterlo cedere o prestare. E, a dire il vero, anche quel “a vita” è improprio, perché non corrisponde alla vita dell’utente, ma alla vita dell’account.

Un esempio molto chiaro è reperibile su Amazon, nelle Condizioni d’uso Amazon Kindle Store:

Con il download del Contenuto Kindle e con il pagamento dei relativi corrispettivi (comprese le tasse applicabili), il Fornitore di Contenuti ti concede il diritto non esclusivo di vedere, usare e visualizzare tale Contenuto Kindle per un illimitato numero di volte, esclusivamente sul dispositivo Kindle o sull’Applicazione di Lettura, oppure con le diverse modalità previste per il tipo di Servizio, unicamente sul numero di dispositivi Kindle o di Dispositivi Supportati specificati nel Kindle Store ed esclusivamente per tuo uso personale e non commerciale. Il Contenuto Kindle ti viene concesso in licenza d’uso e non è venduto dal Fornitore di Contenuti.

Le condizioni definite da altri rivenditori non sono diverse. I concetti chiave sono in questi termini: servizio e licenza d’uso. Quindi l’applicazione di un’aliquota IVA più alta per gli e-book è indubbiamente un elemento eclatante di differenza dai libri cartacei, ma è solo la punta dell’iceberg, poiché si tratta di una delle conseguenze di una discriminazione definita a livello formale che per l’utente comporta, oltre ad un esborso superiore, anche l’impossibilità di esercitare quei diritti che derivano dal possesso di un libro cartaceo (proprietà, possibilità di cessione, prestito, successione…).

Il sito web che promuove la campagna in realtà si focalizza solo sull’aspetto fiscale, ma la ratio dell’iniziativa si fonda sul presupposto che l’e-book viene considerato come un servizio digitale. Un altro aspetto, inoltre, merita una precisazione: la frase “La discriminazione dei libri digitali si riflette sullo sviluppo culturale del nostro Paese” potrebbe indurre a credere che la discriminazione (non solo) fiscale sugli e-book sia un’anomalia italiana, ma in realtà il problema si pone nei confronti dell’Unione Europea.

Perciò non è pensabile un intervento solamente fiscale e solamente italiano, ma sarebbe auspicabile una ridefinizione complessiva dell’e-book a livello europeo, con il passaggio di stato da servizio a bene e tutte le conseguenze che potrebbero derivarne. La più diretta: un’imposizione ridotta porterebbe ad un prezzo finale inferiore, che gli editori potrebbero (anzi dovrebbero, condividendo quanto ha osservato in proposito Luca Rota) rendere ancor più attraente per il pubblico, contribuendo a fare da volano per volumi di vendita superiori e alla crescita del mercato.

Molti più e-book venduti naturalmente potrebbero anche significare maggiori entrate per lo Stato a livello di IVA: meglio vendere moltissimi e-book con IVA al 4% o pochissimi con IVA al 22%? 😉

 

 
Commenti disabilitati su Un e-book non è un libro (in Europa)

Pubblicato da su 4 novembre 2014 in Buono a sapersi, e-book & e-reader

 

Tag: , , , , , , , , ,

Kindle è in vendita anche in Italia

In tempo per farsi trovare impacchettato sotto l’albero di Natale, il Kindle di Amazon è ora in vendita ufficialmente anche in Italia nella sua versione base con display da 6 pollici, al prezzo di 99 euro, con un catalogo di e-book che include 16mila titoli, che possono essere scaricati via WiFi direttamente sul dispositivo.

L’autonomia dichiarata è di circa un mese mantenendo il wireless disattivato, mentre con “il wireless sempre attivato la carica dura fino a 3 settimane”. La capacità di archiviazione è pari a 2 GB: se siete abituati a sentire parlare di smartphone e tablet che hanno almeno 16 GB, tenete comunque presente che con lo storage disponibile sul Kindle è possibile memorizzare fino a 1.400 libri.

Se avete già un account su Kindle USA e volete fare acquisti dalla libreria italiana di Amazon, nessun problema: dovete solo trasferirvi sul Kindle Store italiano, operazione che Amazon spiega sul proprio sito.

Lo sbarco del Kindle potrebbe rappresentare l’atteso sdoganamento degli e-book e la crescita di un mercato che è stato aperto lo scorso anno, ma che finora non è ancora davvero decollato. Amazon ha stretto accordi commerciali con i più importanti nomi dell’editoria – tra cui spiccano i nomi di Rizzoli, Mondadori, Gems, Feltrinelli – e tenta anche in Italia di accelerare la smaterializzazione dei prodotti editoriali (sul mercato dei contenuti multimediali il processo è già in atto da tempo). La disponibilità di un catalogo italiano e di un lettore venduto ad un prezzo che sfiora i 100 euro potrebbe rappresentare la svolta.

 
2 commenti

Pubblicato da su 2 dicembre 2011 in business, e-book & e-reader, news, tecnologia

 

Tag: , , , , ,

The million e-book man

Mentre in Italia il mercato degli E-book deve ancora capire che strada prendere e oggi rappresenta una quota di mercato pari allo 0,1% delle vendite totali, oltreoceano è già una realtà di rilievo e si sta già consolidando al punto da raggiungere volumi considerevoli, anche sul fronte degli autori indipendenti. Il loro simbolo è John Locke (omonimo del filosofo, di un personaggio di Lost e di molti altri illustri John Locke), un 60enne ex assicuratore che due anni fa ha iniziato a scrivere romanzi e a distribuirli attraverso Kindle Direct Publishing, la piattaforma di self-publishing di Amazon, superando il traguardo di un milione di E-book venduti.

Le chiavi di questo successo, probabilmente, sono nella forma di distribuzione e nella scelta di prezzi di vendita estremamente accessibili: il modello di business della piattaforma consente all’autore di trattenere il 35% del ricavo e quindi, considerando il numero di libri venduti nella Kindle Edition (anche solo quelli con il prezzo di 99 centesimi di dollaro), il suo guadagno oggi ammonta a non meno di 346.500 dollari.

Confesso di non aver letto nemmeno uno dei suoi libri: essendomi limitato alle copertine, non posso però escludere che alcune di queste possano aver attirato lettori…

 
Commenti disabilitati su The million e-book man

Pubblicato da su 23 giugno 2011 in e-book & e-reader, Mondo, news, News da Internet

 

Tag: , , , , ,

Oops, non ho messo il PaperPhone nel portafoglio

E’ leggero, flessibile e sottile come un foglio di carta, ma è dotato di caratteristiche che lo rendono uno stretto parente degli smartphone. Sviluppato da alcuni ricercatori della canadese Queen’s University, sarà presentato domani – martedì 10 maggio – a Vancouver e promette di rivoluzionare il mercato. Il suo nome è Paperphone.

Anche se il suo nome – almeno a chi non ha presente il significato anglosassone del prefisso paper – potrebbe evocare una fantasiosa invenzione di Archimede Pitagorico, questo dispositivo è realtà. Non si tratta di un concept, ne’ di un mock-up (termine con cui si indica generalmente un modello non funzionante che materializza un’idea o un progetto in fase di realizzazione): il Paperphone è funzionante e può racchiudere in se’ le feature che contraddistinguono i supercellulari di oggi. Con il plusdi un display sottile e flessibile che stravolge il concetto di interfaccia touchscreen in quanto consente di gestire determinate funzioni non semplicemente perché viene toccato, ma in quanto opportunamente piegato o sfogliato.

Quali funzioni? Tutte quelle ormai consolidate sugli smartphone: da quelle telefoniche (conversazioni, messaggi) a quelle multimediali (riprodurre contenuti musicali o video), dalla memorizzazione di dati all’accesso a Internet, fino alla riproduzione di e-book

Tecnicamente si tratta di un display digitale da 9,5 pollici con tecnologia e-ink (quella utilizzata appunto negli e-reader come il Kindle, che ha il vantaggio di riprodurre l’effetto della carta stampata e non comporta affaticamento visivo), integrato da un circuito stampato elastico e flessibile con cinque sensori in grado di ricevere comandi (dati dall’utente appunto piegando o sfogliando il display) e trasformarli in istruzioni da seguire grazie ad un software in grado di tradurre posizione e direzione.

“Questo è il futuro. Ogni dispositivo mobile sarà simile a questo entro cinque anni” ha dichiarato con convinzione Roel Vertegaal, direttore del Queen’s University Human Media Lab e responsabile del team che ha sviluppato la nuova tecnica, definita bend gestures. Su Androidcommunity.com, in base ai menu visualizzati nel video riprodotto nel seguito, si suppone che alla base di questa tecnologia ci sia il sistema operativo Android.

Maggiori dettagli tecnici e altre informazioni saranno probabilmente rese note domani, in occasione della presentazione che avrà luogo durante la conferenza dell’Association for Computing Machinery’s Computer Human Interaction a Vancouver, in Canada. Sarà particolarmente interessante coglierne il seguito, per capire quale futuro potrebbe avere l’applicazione di questa tecnologia nel mondo dei dispositivi mobili.

Per il momento si tratta di un’intrigante novità, ma è prematuro parlare ora di che impatto potrebbe avere sul mercato degli smartphone: il primo passo da compiere è catturare l’interesse di almeno un produttore. Il resto si vedrà.

[pubblicato oggi dal sottoscritto su The New Blog Times]

 
Commenti disabilitati su Oops, non ho messo il PaperPhone nel portafoglio

Pubblicato da su 9 Mag 2011 in cellulari & smartphone, curiosità, e-book & e-reader, news, News da Internet

 

Era meglio il librofonino

 
Commenti disabilitati su Era meglio il librofonino

Pubblicato da su 20 dicembre 2010 in business, e-book & e-reader, tecnologia

 

Dubutta oggi il social thriller di Vito di Bari

Si chiama Social Killer, ma è un social thriller: Vito di Bari ha pensato di modernizzare il concetto di romanzo a puntate, declinandolo in chiave social. Al centro della storia c’è infatti il social network Datebook, utilizzato da un serial killer per raccogliere amicizie tra cui scegliere le proprie vittime. Ma Datebook è anche il nome di un blog vero e proprio che apre i battenti proprio oggi e che è stato realizzato allo scopo di coinvolgere i lettori nella caccia all’assassino.

Il romanzo è formato da 108 capitoli, scaricabili di giorno in giorno, per quattro mesi. L’utente potrà effettuare il download di ogni capitolo sul proprio smartphone e interagire con i profili dei personaggi presenti su Facebook. L’opera non prevede un vero e proprio costo di acquisto, ad eccezione di quelli richiesti dall’operatore di telefonia mobile per la connessione necessaria ai download.

Gli utenti dotati di iPhone o iPod Touch troveranno su iTunes Store l’applicazione Social Killer e i capitoli del romanzo, nella sezione libri. I clienti Vodafone potranno invece ricevere settimanalmente tre link per scaricare su cellulare i vari capitoli del romanzo, inviando un SMS con scritto “Killer” al numero 4887700.

E’ un’iniziativa interessante, che mostra una delle possibili strade alternative che l’editoria potrebbe sperimentare.

Se vi interessa il primo capitolo, eccolo qui (grazie Vito):

1. Una piccola torcia

Se ora entrasse nella cameretta per controllare, nel letto del figlio la signora Lina vedrebbe solo una collinetta. È la sagoma di un bimbo che dorme rannicchiato sotto le coperte.
Ma non è il figlio, e non dorme.
Suo figlio è cresciuto e vive lontano, sotto quelle coperte ora c’è un altro bimbo che tiene in mano una piccola torcia e legge un libro. Fa finta di dormire e legge per ore, ha otto anni ed è il figlio della vicina, Fernanda, che abita al piano di sotto e lavora di notte.

“Me lo terrebbe lei, signora Lina?” le aveva chiesto tre anni prima, dando la mano a quel ragazzino con l’aria da monello e il sorriso di un angelo. “Glielo porto alle nove e vengo a prendermelo verso le due, quando smetto di lavorare.”
“Tutte le sere?” aveva risposto la signora Lina per prendere tempo, ma aveva già deciso.
“Sì, tranne i lunedì quando riposo. Le darei qualcosa, naturalmente. Per il disturbo …”
Il bambino disturbo non gliene dava. La signora Lina si sentiva molto sola in quella casa rimasta prima orfana del marito e poi abbandonata dai figli. Le disse di accomodarsi, si misero d’accordo.
Passarono gli anni, tutte le notti Fernanda veniva a riprendersi il figlio addormentato e lo portava in braccio al piano di sotto perché si svegliasse nel suo letto dopo essersi addormentato in un altro. Lui si addormentava sempre tardi, non aveva mai voglia di dormire. Gli piaceva leggere storie fantastiche nei libri che gli comprava la mamma. Immaginava di essere un cavaliere antico, un esploratore, un pirata, uno sceriffo. Dormendo, gli sembrava di buttare via il tempo. Ma la signora Lina era inflessibile.
“Alle nove e mezza si spegne la luce e si dorme” aveva detto.
“Posso avere quella piccola torcia, mamma?” aveva chiesto il figlio alla madre, al supermercato.
Lei aveva detto di sì e così era iniziata quell’avventura segreta sotto le coperte. Al riparo dei rimproveri della signora Lina, leggeva per ore tutte le notti.

“Che guaio!” pensa il bambino, chiudendo il libro “sono stato uno stupido!”

 
Commenti disabilitati su Dubutta oggi il social thriller di Vito di Bari

Pubblicato da su 6 ottobre 2010 in e-book & e-reader, Internet, Life, media, news, News da Internet, social network, tecnologia

 

Ecco Kindle 3

I produttori di tabletApple in testa, con il suo iPad – puntano molto sul mercato dell’editoria digitalizzata e, per un’analogia di dimensioni, spingono i loro device presentandoli ottimi come e-reader ponendoli in concorrenza a prodotti come i Kindle. Ma la neonata ultima generazione del lettore di Amazon sta riscuotendo un grande successo.

La distribuzione ha appena preso il via e le prenotazioni sono possibili da un mese, ma se ciò che dichiara Amazon fosse vero, i primi risultati di vendita sarebbero strepitosi e tali da rendere impossibile avere un nuovo Kindle 3 fino al 17 settembre.

Insperato successo o applicazione della strategia delle piccole scorte, imparata da Apple? Certo, se è vero che il Kindle Store ha il 61% del mercato (e si pone in classifica davanti all’iBookstore) il gradimento del pubblico (la piattaforma Kindle conta oggi più di tre milioni di utenti) è tutt’altro che teorico.

Amazon sembra voler cavalcare questo successo con il nuovo Kindle 3, più piccolo, leggero e maneggevole dei precedenti (il display è da 6 pollici), con più memoria (fino a 4 GB), un nuovo microfono integrato e prezzi quasi anticrisi: 139 dollari per la versione WiFi, 189 dollari per quella 3G. Prezzi interessanti per chi cerca soprattutto un e-reader.

Per ora è possibile acquistarlo solo online presso Amazon, aggiungendo spese di spedizione e oneri doganali per averlo nel nostro Paese.

 
2 commenti

Pubblicato da su 27 agosto 2010 in e-book & e-reader, Internet, Life, media, Mondo

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: